Per la storia e per la gloria manca solo una vittoria!”. Lo striscione che riempiva l’intera tribuna locale del Pambianco spiega bene cosa si aspettavano i tifosi sanvenanzesi, domenica scorsa.

Una giornata di attese appunto, iniziata con il “pranzo del tifoso” a cui hanno partecipato anche i vicini di Ammeto, squadra che il San Venanzo avrebbe dovuto superare per vincere matematicamente il campionato. E che ha puntualmente realizzato: con 4 turni di anticipo, il San Venanzo di Ettore Turchi ha vinto (…e stra-vinto) il campionato di Prima Categoria con numeri da capogiro: 67 punti in 26 partite: 21 vittorie, 4 pareggi ed 1 sola sconfitta.

Un’avventura, questa biancazzurra, iniziata ad agosto: dopo tre retrocessioni la società – il San Venanzo ha visto l’Eccellenza e la Promozione negli ultimi 10 anni- rinforzata da giovani nel suo organico, ha saputo riprendersi il posto che gli è più consono. La Promozione, per una piazza come San Venanzo, sembra un habitat naturale. E così, al triplice fischio di Fornai di Orvieto, il risultato diceva 2-1 per i locali (grazie al rigore trasformato nel primo tempo da Prosperini ed il vantaggio finale di Alberto Pambianco), lo stadio è letteralmente esploso. Si festeggia il ritorno nella vetrina maggiore, dopo due stagioni in Purgatorio.

I numeri di questa cavalcata sono incredibili ed il San Venanzo cercherà di onorare al meglio questo campionato, cercando di superare il record di punti stagionali, fatto dalla Fornolese in Prima Categoria. L’inizio di questo anno d’oro per la compagine di Turchi aveva visto un simpatico battesimo: Giovanni Trapattoni, venuto in estate da amici di San Venanzo, si era prestato per la festa di presentazione. Un battesimo che ha davvero portato fortuna ma soprattutto il Mister fra i più titolati al mondo, ha dettato la strada: ai ragazzi del San Venanzo ha ribadito con forza di “sentire la maglia e l’attaccamento ai colori”.

Una cosa che i giocatori di San Venanzo conoscono bene: sono ancora loro che nel tempo, riescono a trasmettere nello spogliatoio l’essere parte di un gruppo che è di fatto una famiglia, ai nuovi arrivati. E questo traspare in tutto l’ambiente: sono sempre tantissimi i tifosi che affollano le tribune del “Pambianco” ma anche che seguono la squadra nelle trasferte. E’ questo il segreto: una piccola comunità che ogni domenica si ritrova nei colori biancazzurri. Ma questo forse è anche il vero significato del calcio dilettantistico che il San Venanzo alle soglie dei 50 anni dalla fondazione, interpreta al meglio. Una forte passione che dalla prossima stagione si spargerà per i campi della Promozione.

Foto di Mirko Rellini

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Prima Categoria
Squadra Pt G
Amerina 64 30
4 Castelli V. 54 30
BM8 Spoleto 52 30
Superga 48 51 30
AMC 98 49 30
Guardea 49 30
Terni Est 43 30
Real Avigliano 41 30
Norcia 41 30
Colonia 37 30
Sangemini 37 30
Lugnano T. 32 30
Del Nera 30 30
Arrone 29 30
GS Alviano 26 30
Strettura 87 18 30

ULTIME GARE DISPUTATE