Il Tabellino

ANGELANA-ORVIETANA 2-1

ANGELANA : Rossi (20'); Barbini,Trisi, Bernicchi, Taccucci, Ciurnelli, Bartolini (58’ Licastro), De Santis, Polidori E. (66’ Catani), Ventanni, Biscaro Parrini (93' Confessore). All.: Cardinali.

ORVIETANA: Sganappa; Mancinelli, Frellicca, Cotigni, Nuccioni, Avola, Locchi (83’ Ammendola), Viviani, Carissimi (70’ Terracina), Moneti, G. Polidori. A. All.: Fatone.

ARBITRO: Dini di Città di Castello (Fiordi-Tosti)

MARCATORI: 5' Moneti, 22' Taccucci, 46' Polidori E. (rig.)
NOTE: 70’ allontanato Fatone (O).

L’Orvietana perde, ma non sfigura con l’Angelana, l’anticipo della quinta giornata. Anzi, la formazione biancorossa, prova di Mouaha, Saleppico e Bernardini, è quella a dover recriminare per alcune decisioni arbitrali penalizzanti e determinanti, prese in momenti cruciali della partita. Che era iniziata benissimo, con l’eurogol di Moneti, botta d’esterno sinistro da posizione decentrata con palla che s’infila nell’angolo alto all’altezza del secondo palo, e proseguita con un’ottima tenuta del campo. Pressione sul portatore di palla, chiusura dei varchi di passaggio e pericolose ripartenze. Come quella propiziata da un lancio lungo di Frellicca per Polidori, che eludeva la marcatura e insaccava la palla del raddoppio. La posizione dell’attaccante, regolare per chi sedeva in tribuna come per l’occhio della telecamera, era invece sanzionata dall’assistente numero due. Con Nuccioni, implacabile nelle chiusure, Locchi puntuale nell’aiuto in fase di contenimento, Cotigni padrone della posizione e preciso nel giro palla, i rischi, per l’Orvietana sembravano, davvero limitati. Anche se Carissimi, pur muovendosi molto, era poco produttivo, così come Viviani, un po’ troppo macchinoso e in difficoltà nel trovare le contromisure per limitare Ventanni, il migliore fra i padroni di casa. Sganappa, ultimo baluardo e autore di tre interventi davvero pregevoli nell’arco della partita, era costretto a capitolare sul solito colpo di testa, stavolta di Taccucci, facilitato nell’esecuzione, dalla disposizione dei difensori, non proprio irreprensibile. Poi il penalty fatale, sugli sviluppi di un calcio d’angolo concesso a tempo scaduto e causato da un’entrata, poco lucida, su Biscaro Parrini. Seconda metà della partita con l’Orvietana a farla da padrone, senza trovare, però, lo sbocco risolutivo. Un calcio di rigore richiesto dall’Angelana, per un sandwich su Enrico Polidori e un altro, più clamoroso, reclamato dall’Orvietana, quando Gianluca Polidori era messo giù, causa un doppio contatto col portiere Tano e Barbini. L’arbitro, troppo distante, si affidava alle indicazioni del primo collaboratore, peraltro non pervenute. L’ingresso del giovanissimo Terracina per Carissimi e quello di Ammendola per Locchi e conseguente avanzamento di Mancinelli a centrocampo rendeva la manovra un po’ più veloce, senza, tuttavia, riuscire a incidere sul risultato.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Eccellenza
Squadra Pt G
Bastia 61 30
Cannara 60 30
San Sisto 54 30
Subasio 53 30
Angelana 45 30
Narnese 41 30
Pontevalleceppi 40 30
Vol. Spoleto 39 30
Fontanelle Br. 37 30
Lama 37 30
Orvietana 36 30
M. Martana 36 30
Castel del Piano 35 30
Trasimeno 27 30
Petrignano 27 30
Ventinella 23 30

ULTIME GARE DISPUTATE