Il 2017 è stato l'anno migliore per il tennis umbro in quanto a risultati e riconoscimenti con i due titoli italiani vinti dallo Junior Tennis Perugia e Villa Candida prima scuola tennis italiana. Su questa scia si innesta il momento positivo del tennis ternano che ripartendo dai successi degli anni passati sta costruendo la nuova generazione di piccoli giocatori. Ne parliamo con il Maestro Fabio Moscatelli, consigliere regionale della FIT Umbria al terzo mandato, ma anche vicepresidente dell'Umbria Tennis e del Salaria Tennis Tour.

A cominciare dalle scuole
- Crescita quantitativa perchè il movimento tennistico ternano si avvicina alla soglia dei 2000 tesserati che per una piccola provincia è un numero ragguardevole. Tutto è frutto del lavoro dei dirigenti e dei tecnici che hanno monetizzato le attività didattiche amatoriali. Tra le prime Scuole Addestramento Tennis a partire c'è stata quella del Circolo Lavoratori Terni che con 215 iscritti è ad oggi la più numerosa dell'Umbria. E come non citare l'intensa attività di tornei che vanno dal TPRA fino ai tornei Open dove abbiamo fatto giocare migliaia di appassionati e giocatori semi-professionisti.

I risultati dell'anno - La vittoria di Francesco Bonanno nel campionato regionale Over 65, al di là della valenza tecnica, è uno splendido spot per il tennis in quanto sport che è anche un amico per tutta la vita. Poi i titoli regionali ottenuti dalle giovani narnesi, allieve del Maestro Andrea Paiella, Sofia Bartolucci (Under 9) e Giorgia Rosi (Under 16). Ma su tutti due giocatori usciti dalle abili del Maestro Moscatelli, forgiatore e demiurgo di giovani talenti, come i fratelli Marco e Giorgio Ruello che hanno raggiunto la classifica 2.4 (tra i primi 400 giocatori in Italia) ormai entrati stabilmente nella programmazione internazionale del circuito ITF.

La novità si chiama padel - Altra grande vittoria è l'affermarsi giorno dopo giorno di uno sport moderno, alla portata di tutti e diventato la vera novità e il vero successo del 2017: il padel. Partito con un campo alla Polisportiva I Draghi, poi grazie all'intuizione del Presidente Giovanni Scordo è approdato al Circolo Lavoratori Terni con la realizzazione di tre campi nuovi di zecca che ha permesso di avviare una programmazione innovativa fatta di corsi, lezioni e promozioni culminata con il primo torneo nazionale Trofeo Happy Sport che ha visto scendere in campo giocatori di livello nazionale. Direi una sfida vinta.

Le sfide per il futuro - Nel 2018 sarà il 37° anno della mia carriera, una vita passata sui campi da tennis. Sotto l'aspetto politico sportivo continuerò a portare avanti le istanze della terra ternana e sono convinto delle potenzialità di un territorio che ha grande entusiasmo. Noi ternani possiamo fare molto. Per il resto, ho ormai sposato il progetto del Clt che rappresenta ormai la più grande polisportiva dell'Umbria. Un centro sportivo e non solo, ormai punto di riferimento della città dove proverò a portare, mi auguro ancora per molto tempo, passione, esperienza e competenza.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Eccellenza
17a di campionato, 13/1/2019
Orvietana - Spoleto 2 - 2
Narnese - San Sisto 1 - 1
Promozione gir. B
17a di campionato, 13/1/2019
Sporting Pila - San Venanzo 1 - 1
Petrignano - AMC 98 4 - 1
Montefranco - Olympia Thyrus 0 - 0
Giove - Terni Est Soccer School 1 - 0
Campitello - Montecastello Vibio 4 - 3
Amerina - Julia Spello Torre 0 - 1