La Voluntas sta rinvenendo, l’Orvietana si sta ritrovando. Con gli undici punti messi assieme da inizio anno, sei per l’Orvietana, la squadra di Spoleto è arrivata a due punti da quella biancorossa di Orvieto. La classifica esige punti per restare fuori dalla zona pericolosa. Lampante, che la partita del Muzi rivesta un’importanza fondamentale per due club blasonati, abituati a confronti in altri scenari. Ma, anche nel calcio le cose cambiano e l’arrivo a Spoleto, di Damaschi e Arcipreti, ha il significato del jolly da giocare quale ultima chance. L’Alvaro di Umbertide, amico di Orvieto e dell’Orvietana, ha deciso di dare una mano ad Alberto Del Frate, pure lui ex ds biancorosso e un pezzo di cuore lasciato nella città del Duomo. Un detto, molto popolare, avverte che “interesse non guasta amicizia”. Ragion per cui non potranno mancare baci e abbracci prima e dopo la partita, ma, durante lo svolgimento della stessa, ognuno a tirare dalla propria parte. La Voluntas, ricostruita con l’inizio del nuovo anno, ha, nelle sue fila, giocatori importanti, le cui risorse, qualora inserite all’inizio del campionato, avrebbero dato un senso diverso alla stagione sportiva. L’Orvietana è formata da gruppo più omogeneo dove non ci sono firme di prima grandezza e sta, forse, pagando lo scotto del salto di categoria. Lo stesso tecnico, Riccardo Fatone, è alla sua prima esperienza nell’Eccellenza umbra, campionato al quale è assegnato un valore importante, anche in rapporto a quanto succede in altre regioni più popolose e importanti. I biancorossi fanno leva su un gruppo granitico, nel quale i valori tendono a fondersi verso l’alto. La solidità, venuta meno nell’ultimo periodo, dopo i recenti pareggi pare avviata a un riconsolidamento. Purtroppo c’è il rischio che Lorenzo Frellicca possa aver chiuso anticipatamente la stagione. La microfrattura al piede è un po’ complicata a riassorbirsi, anche se, si conta molto sulla forza di volontà del giocatore. Mouaha si è visto poco in settimana complici i postumi del disturbo intestinale e la chiamata per la rappresentativa. Moneti, colpito da un attacco influenzale, potrebbe, comunque, rispondere presente. In compenso, Polidori sta tornando quello che si conosceva, Nuccioni ha ripreso il comando del fortino con la proverbiale perizia. Molto dipenderà dalle scelte in chiave offensiva e dalle qualità dei giocatori designati a faticare di più per dar man forte al centrocampo che si attende propositivo.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Eccellenza
Squadra Pt G
Bastia 61 30
Cannara 60 30
San Sisto 54 30
Subasio 53 30
Angelana 45 30
Narnese 41 30
Pontevalleceppi 40 30
Vol. Spoleto 39 30
Fontanelle Br. 37 30
Lama 37 30
Orvietana 36 30
M. Martana 36 30
Castel del Piano 35 30
Trasimeno 27 30
Petrignano 27 30
Ventinella 23 30

ULTIME GARE DISPUTATE