La mattinata si è aperta con un'altra cattiva notizia per l'indisponibilità di Sala, che farà comunque parte dei rossoverdi che saliranno in Piemonte. A mettere fuori causa il portiere il riacutizzarsi del problema alla spalla. Contro la Pro Vercelli ci sarà una Ternana in piena emergenza, fa buon viso a cattivo gioco nonostante la posta in palio il tecnico Luigi De Canio in conferenza stampa:

"Di sicuro non siamo stati fortunati anche sotto questo profilo. Per questioni di scelta sarebbe stato meglio giocarla con tutti a disposizione, ma senza dubbio chi giocherà farà la sua parte. Ho parlato con tutti per capire chi è pronto mentalmente e fisicamente ed ho chiesto se c'è qualcuno che non se la sente può tranquillamente dirlo e restare in disparte. L'importante è che facciamo il nostro dovere fino in fondo, per rispetto alla nostra dignità, per la società, per la città e la tifoseria, perché indossiamo una maglia importante, con una storia. Per il futuro si vedrà. Non mi importa poi dell'Avellino, non possono esistere motivazioni che non facciano parte del modo di affrontare la partita domani. Nessuno, però, si è tirato indietro, certo io so chi è più o meno pronto, ma nessuno si è tirato indietro. Se la difesa può cambiare? Abbiamo provato anche questa situazione, sia a tre sia a quattro. Per il resto devo riflettere su Zanon e Bordin. Il fatto di non giocare da tempo per tutti e 90 i minuti mi dà preoccupazione sulla loro tenuta e sarebbero due sostituzioni che mi andrebbero a condizionare".

"Sulla Pro Vercelli so quello che sapete voi, avendo letto le informazioni che i vostri colleghi riportano. Sono nella stessa situazione, con le stesse motivazioni e dovrà essere una battaglia sportiva, alla quale presentarsi molto ben preparati".

"Ho preso i ragazzi nello spogliatoio proprio per stimolarli ulteriormente, pur sapendo che si sono sempre impegnati e che mi hanno sempre dato risposte. Io ho cercato anche qualcosa in più, proprio per rendere tutti ancora più partecipi, abbiamo cercato di non trascurare nulla. Questi ragazzi si sentono partecipi in questa situazione, ma probabilmente in molti di loro non c'è la grande esperienza e la capacità psicologica per reggere una situazione del genere, non è per cattiva volontà o menefreghismo, altrimenti li avrei allontanati. Le motivazioni nella vita possono permettere di raggiungere risultati insperati, ma da sole non bastano. Diverso è evidenziare errori legati alla professione, di stare in campo, all'aspetto psicologico, però voglio tranquillizzare tutti quelli che ci seguono, che sotto l'aspetto dell'importanza della partita e dell'approccio che hanno sempre avuto e avranno, sono convintissimo della piena e forte disponibilità da parte loro. D'altronde abbiamo subito più di 70 gol, se fosse solo per mancanza di voglia, avremmo preso qualche imbarcata in due o tre partite, ma se c'è continuità in questo, di fondo ci sarà qualcosa che non va e bisogna ammetterlo".

"Il mio futuro? Quando sono arrivato a Terni, nel mio confronto con Ranucci non c'era da parte mia solo l'intenzione di venire qui, avevo in ballo altre prospettive. Poi non sono stato allettato dall'entità del contratto, o dall'aspetto economico, mi ha convito la prospettiva futura. Quando abbiamo parlato io sapevo che la squadra era ultima a sei punti dalla zona play out e avevo la consapevolezza della situazione, non mi sono mai ritenuto un mago, non ho voluto speculare, mi sono cimentato abbracciando questa situazione per dare vita ad un progetto importante. Ad oggi le intenzioni mie e della società non sono modificate: pur mantenendo attenzione al presente, la società si sta muovendo anche per organizzare il futuro. Io sono concentratissimo sul presente, e non voglio affrontare questa situazione finché non sapremo se siamo in B o in C, ma so che la società sta muovendo i primi passi per il futuro. Le idee ci sono, anche se sono embrionali. La società sta valutando la possibilità di come organizzarsi al meglio, poi ci sarà il confronto tecnico e specifico. Non sarò mai io a dire che quel direttore non mi piace e quello sì, perché io faccio l'allenatore e posso esercitare il mio diritto solo sulla scelta dei giocatori".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie B
Squadra Pt G
Empoli 85 42
Parma 72 42
Frosinone 72 42
Palermo 71 42
Venezia 67 42
Bari 67 42
Cittadella 66 42
Perugia 60 42
Foggia 58 42
Spezia 53 42
Carpi 52 42
Salernitana 51 42
Cesena 50 42
Cremonese 48 42
Avellino 48 42
Brescia 48 42
Pescara 48 42
Ascoli 46 42
Novara 44 42
V. Entella 44 42
Pro Vercelli 40 42
Ternana 37 42

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie B
42a di campionato, 18/5/2018
Ternana - Avellino 1 - 2