E' il giorno di Bebe Vio al Palatennistavolo Aldo De Santis. L'azzurra conquista il secondo oro dell'Italia trionfando nel fioretto femminile Categoria B ma non è l'unica soddisfazione di giornata. Dopo le emozioni della giornata d'esordio grazie alla medaglia d'oro conquistata da Marco Cima nel fioretto maschile categoria B ed al bronzo vinto da Matteo Betti nel fioretto maschile categoria A, gli occhi del Palatennistavolo Aldo De Santis erano per fioretto femminile categoria A e B, sciabola maschile categoria A e spada maschile categoria B.

Andreea Mogos infiamma il catino del Pala De Santis vincendo tutti i match del proprio girone, compreso il derby ai quarti con Loredana Trigilia e approda in finale grazie al successo ottenuto contro la russa Alena Evdokimova per 15-6. Ad attenderla c'è l’ungherese Eva Andrea Hajmasi. Assalto molto nervose. Tante le partenze anticipate dall'una e dall'altra parte. Prima del "a voi" del giudice arbitro che dispensa cartellini un po' a tutte e due le fiorettiste ma soprattutto all'azzurra. Che passa in vantaggio poi si fa rimontare e alla fine, vinta dalla tensione, cede l'oro all'ungherese ma è comunque un argento preziosissimo. Si ferma invece nella fase a gironi Sara Bortoletto.



Nella sciabola maschile categoria A, invece, Edoardo Giordan conquista la medaglia di bronzo. A fermare la sua avanzata è stato l’ungherese Richard Osvath che ha sconfitto l’azzurro in semifinale per 15-8. Nel suo percorso verso il podio, Giordan aveva dapprima vinto tutti gli assalti del proprio girone e poi agli ottavi il polacco Rafal Treter per 15-10 e, ai quarti, il britannico Pier Gilliver col punteggio di 15-13. Si era fermato invece agli ottavi Alberto Pellegrini perché sconfitto 15-8 dal tedesco Maurice Schmidt. In precedenza, nel primo assalto di giornata, Pellegrini aveva vinto il derby contro Pietro Miele per 15-11. Era invece uscito di scena dopo la fase a gironi Alberto Morelli.



Poi è la volta di Bebe Vio che trascina letteralmente il pubblico ternano prima ai quarti contro la Vasileva (15-8), poi in semifinale è la volta della Makrytskaya battuta 15-7, poi il capolavoro nella finale dominata contro la Mishurova che raccoglie appena una stoccata (15-1). A premiarla sul palco, in rappresentanza del presidente FIS Giorgio Scarso seduto in platea accanto al presidente del CIP Luca Pancalli, il campione del mondo del Circolo Scherma Terni, Alessio Foconi. Tutto di fronte al tifo appassionato e bollente del Pala De Santis, cattedrale del tennistavolo per l'occasione trasformata in tempio della scherma.



foto di Marco Burchi

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.B
6a di campionato, 14/10/2018
Virtus Verona - Ternana 0 - 2
Eccellenza
6a di campionato, 14/10/2018
Pontevalleceppi - Orvietana 3 - 0
Sansepolcro - Narnese 1 - 1
Promozione gir. B
6a di campionato, 14/10/2018
Terni Est Soccer School - Campitello 0 - 1
San Venanzo - AMC 98 2 - 0
Olympia Thyrus - Nestor 1 - 1
Giove - Gualdo Casac. 2 - 3
Amerina - Montefranco 2 - 0