Dopo Siena il neo presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, nativo di Gubbio, ha scelto Terni e nella sala stampa del Liberati si è rivolto alle città e ai ragazzi dei settori giovanili rimasti a lungo fermi anche loro per le note vicende legate al ripescaggio: "Sono qui e andrò in tutte le città a chiedere scusa di quanto successo anche se non abbiamo noi le responsabilità. Se avessero seguito il nostro consiglio il 10 agosto tutto questo non sarebbe successo. Il mio problema è riconquistare credibilità e la credibilità si conquista non con le parole ma con i fatti. La prima credibilità è rimettere al centro il pallone e la magia del calcio. Ecco perchè sono a questo derby".

Sul format della B e il meccanismo promozioni-retrocessioni con la Lega Pro: "Noi non siamo sul mercato. Noi crediamo nelle riforme e per questo ci siamo impegnati con Gravina presidente della Figc. Nessuno pensi che le società di Serie C dopo il danno avranno la beffa. Ed è evidente che qualunque sia il format, l'equilibrio del numero con la Serie B dovrà essere coperto con le squadre di Lega Pro.

Qualcuno dice che la Serie B pensa a solo tre retrocessioni: Gli faccio gli auguri alla Serie B. Loro di questo non sono nemmeno disponibili a discutere e, ripeto, a proposito del meccanismo che porterà al ripristino del format, dopo il danno che ci hanno provocato non pensino di farci una beffa".

Sul dialogo con Balata: "E' semplice, mi ha telefonato due giorni per farmi gli auguri e io dopo averlo ringraziato gli ho detto che dobbiamo parlare. Siamo impegnati con Gravina sulle riforme perchè è l'unico modo per riconquistare quella credibilità che il calcio ha perso in questi mesi. Non giudico l'operato degli altri, ma guardo i fatti. E i fatti dicono il rapporto tra le leghe oggi è pesante. Le riforme non si fanno in quel modo. La Serie A è passata da 18 a 20 squadre e la Serie B da 20 a 22, mentre la Lega Pro è passata da 90 a 60 squadre. Lascino stare chi le riforme le sa fare e inizino a rispettare chi le ha fatte con un percorso condiviso. Loro hanno fatto un caos".

Sul derby:
"Non parlo dal punto di vista tecnico-tattico, lo lascio dire agli addetti ai lavori perchè ognuno deve fare il proprio mestiere. In questo paese troppi fanno quello che non dovrebbero fare. Sicuramente mi è piaciuto dal punto di vista dello spettatore, del tifoso. Bello spettacolo, bel pubblico, risistemato uno stadio come il Liberati. Da qui si può ripartire e in bocca al lupo alla Ternana che ha dimostrato di essere una società avveduta con la capacità di superare la tempesta e rimettersi in campo. Ho voluto Stefano Ranucci nel consiglio direttivo al punto di insistere fino a tirarlo perchè perchè è una di quelle competenze che dovevamo avere. Ed è difficile che sbaglio la squadra perchè metto sempre chi è migliore di me. Il 22 novembre ci sarà il primo consiglio direttivo è chiederò a ciascun componente di mettermi in difficoltà. Una squadra si fa se ognuno ragiona con la sua testa".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.B
Squadra Pt G
Pordenone 29 15
Ternana 26 14
Triestina 26 15
Vis Pesaro 25 15
Feralpisalò 25 15
L. R. Vicenza 24 15
Fermana 24 15
Ravenna 23 15
Imolese 22 15
Monza 20 15
Sud Tirol 19 15
Sambenedettese 18 14
Rimini 18 15
Teramo 16 15
A. J. Fano 15 15
Giana Erminio 15 15
Gubbio 14 15
Renate 12 15
Albinoleffe 11 15
Virtus Verona 10 15

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.B
15a di campionato, 8/12/2018
Ternana - Fermana 2 - 0
Eccellenza
14a di campionato, 9/12/2018
Orvietana - Angelana 2 - 1
Narnese - Spoleto 2 - 1
Promozione gir. B
14a di campionato, 9/12/2018
Montefranco - San Venanzo 0 - 1
Gualdo Casac. - Olympia Thyrus 4 - 0
Giove - Viole 1 - 0
Campitello - AMC 98 3 - 3
Amerina - Terni Est Soccer School 3 - 1