Cerimonia di consegna delle Onorificenze Sportive del Coni di Terni alla Sala Conferenze della Fondazione Aiutiamoli a Vivere. "Un anno di grandi successi – ha ricordato il presidente del Coni Umbria, Domenico Ignozzagli atleti ternani hanno portato in alto il nome della regione. Lo sport umbro, possiamo dirlo, è targato Terni". Presenti in sala l'assessore allo Sport Elena Proietti, il vicepresidente della Regione Fabio Paparelli, il presidente del Consiglio Regionale Donatella Porzi, il presidente della Provincia Giampiero Lattanzi, il Prefetto di Terni Paolo De Biagi, istituzioni civili e militari.

Hanno ricevuto la Stella di bronzo al merito sportivo: Matteo Cannata, Ferdinando Donati, Mario Molfino, Alvaro Proietti, Giuseppe Vaccaro. Premiati con la Stella d’argento al merito sportivo: Franco Favetta, Vanio Ferranti. Palma d’argento al merito sportivo a Claudio Guazzaroni. Medaglia d’oro al valore atletico ad Antonio Barillà, Alessandro Chianese, Michael Spada. Medaglia di bronzo al valore atletico per Ilaria Giunchiglia, Daniele Petrollini, Francesco Danilo Petrucci, Elisa Vardaro, Pierfrancesco Velli. Premio Fair Play a Michele Carotenuto e Claudio, Lorenzo ed Edoardo Felici. Infine premio speciale per il Progetto Contest Valoriale – Scuole aperte allo sport all'Istituto Marconi di Terni.

"Palazzetto dello Sport, Campo Scuola, completamento del Ciclopattinodromo sono strutture senza le quali le grandi medaglie e le grandi soddisfazioni rischiano di essere momenti effimeri di gloria" ha ammonito il delegato del Coni di Terni, Stefano Lupi, rivolgendosi all'Assessore Proietti. In particolare sul Palazzetto, Lupi ha detto: "Delle beghe interne all’amministrazione comunale non ci interessa. Decidetevi, abbiamo bisogno del Palazzetto". Chiaro il riferimento alla differenza di vedute dentro alla Giunta rispetto al tema del Palasport con le diverse posizioni degli Assessori Dominici e Melasecche. La risposta della Proietti non si è fatta attendere: "Abbiamo idee, decideremo con coscienza e cognizione il prima possibile".

Ma l'affondo vero Lupi lo ha riservato al presidente della Ternana Stefano Ranucci, pur senza mai nominarlo esplicitamente, per la scelta della società rossoverde di ammainare la bandiera del Coni in occasione della presentazione della squadra al Liberati lo scorso 13 settembre, in polemica per la vicenda ripescaggi: "Un impiegato di lusso che lavora nel calcio professionistico ternano - le parole di Lupi - ammainando la bandiera a cinque cerchi con fare cialtronesco ha offeso un movimento che ha più di cento anno di storia e che ha garantito l'unità del paese facendoci sentire tutti italiani".

Foto di Alberto Mirimao

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.B
36a di campionato, 20/4/2019
Giana Erminio - Ternana 0 - 0
Eccellenza
29a di campionato, 25/4/2019
Spoleto - Narnese 1 - 1
Angelana - Orvietana 0 - 0
Promozione gir. B
29a di campionato, 14/4/2019
Viole - Giove 0 - 0
Terni Est Soccer School - Amerina 2 - 1
San Venanzo - Montefranco 2 - 0
Olympia Thyrus - Gualdo Casac. 2 - 3
AMC 98 - Campitello 1 - 2