Sono andati via tre giocatori che avevano richieste, sono arrivati Russo, Castiglia e Boateng. Alessandro Calori alla vigilia della sfida con il Renate (c'è il rischio neve anche in terra lombarda), commenta la chiusura della sessione invernale di mercato: "Non ci andava di trattenere nessuno, era giusto che andassero. Chi è arrivato è in condizione ottimale, sul mercato di gennaio non sempre è facile trovare giocatori che possono giocare subito".

Castiglia avrà il numero 6, Russo il 20. Boateng arriverà domani, l'Olimpia Lubiana ha già ufficializzato la sua cessione: "Può darci profondità e gamba - spiega Calori - arriva domani e valutiamo la sua condizione. Manca un'alternativa a sinistra, ma penso che altri giocatori si possono adattare. E' il momento di metterci in testa l'elmetto, lavorare sotto tutti i punti di vista e mettere intensità".

Al momento gli Over sono 15, l'indiziato numero uno per finire fuori lista è Giuseppe Vives, che non è convocato al pari di Daniele Altobelli: "Non ho ancora visto il direttore, verrà in ritiro e ne parleremo. Per oggi Vives non è convocato, stasera valuteremo le situazioni. Russo e Castiglia sono entrambe convocati, magari uno potrà anche giocare, vedremo". Rientra Fazio, ma con Vives e Altobelli non è tra i convocati nemmeno Hristov. Bergamelli sconta il secondo turno di squalifica mentre Giraudo è rimasto a riposo precauzionale ma sarà a disposizione.

Anche i giocatori sono pronti a mettersi l'elmetto? "Vedremo le risposte sul campo dei giocatori, cerco di dare direttive su come vorrei che si giocasse. Un allenatore è chiamato a fare delle scelte. Chi adesso fa fatica aspetterà il suo turno, ma deve darci dentro. Il Renate è squadra umile che corre tanto, non c'è tanta estetica ma molta sostanza in questa categoria. E ha due punte molto strutturate che cercano nelle ripartenze e dopo il recupero delle seconde palle".

Con i nuovi arrivi più qualità a centrocampo, e uno spostamento tattico verso il 3-5-2 o il 3-4-1-2: "Tutto si può fare, in questo momento devo valutare la situazione che ci può rendere migliori. Le varianti ce l'abbiamo. I ragazzi si sono messi a disposizione".

Il primo quarto d'ora a Viterbo che impressione le ha fatto? "Siamo partiti bene, alti e aggressivi. Poi ci siamo abbassati. Gagno ha fatto un'ottima partita, così come anche Mazzarani. La possibilità può essere data a tutti. Rubi palla quando hai intensità e gamba, quando hai condizione. Dobbiamo ripartire, ciò che è stato è stato, non ha più senso. Il mercato è finito, adesso ci mettiamo il casco e andiamo a camminare veloci".

Dal punto di vista fisico come ha trovato la squadra? "Per l'intensità che voglio io nel recuperare, attaccare e giocare di squadra c'è da fare molto di più di quello che stiamo facendo. E' un lavoro fisico, mentale, di organizzazione. Non può mancare nessuna di queste componenti. Poi altrimenti si cercano sempre scuse e alibi, in questo modo non si raggiunge mai un obiettivo. Il bene della Ternana è di tutti, noi dobbiamo far di tutto per far tornare l'amore e l'unità di tutte le componenti".

Marilungo e Vantaggiato insieme finora non hanno convinto: "Ma ogni momento è buono, basta poco per trovare la scintilla. Magari potessi giocare con tutte le punte che ho a disposizione. Quando avremo una forma di squadra tutto sarà possibile".

foto di Stefano Principi

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.B
Squadra Pt G
Pordenone 73 38
Triestina 67 38
Imolese 62 38
Feralpisalò 62 38
Monza 60 38
Sudtirol 55 38
Ravenna 55 38
L. R. Vicenza 51 38
Sambenedettese 50 38
Fermana 47 38
Ternana 44 38
Gubbio 44 38
Albinoleffe 43 38
Teramo 43 38
Vis Pesaro 42 38
Giana Erminio 42 38
Renate 39 38
Rimini 39 38
A. J. Fano 38 38
Virtus Verona 38 38

ULTIME GARE DISPUTATE