Esistono squadre che non sono nient'altro che club di calcio ed altre che rappresentano realtà a sé stanti, che trasudano passione e si identificano come poche nei loro tifosi e nei loro giocatori. La Ternana è senza dubbio una di queste: la società umbra, da sempre molto legata al proprio pubblico, è stata per molto tempo accompagnata da una tifoseria strepitosa, che la seguiva in ogni dove e si faceva notare sempre per il proprio trasporto. Questo lo sa benissimo Riccardo Zampagna, ex calciatore nato e cresciuto a Terni che ha fatto della sua fede calcistica uno stile di vita: classe 1974, Zampagna è adesso allenatore e ha da poco aperto una scuola calcio nella quale sarà uno dei principali dirigenti e tecnici, con il proposito di aumentare le adesioni allo sport che più ama. Il tutto dopo aver pubblicato anni fa un libro i cui proventi sono andati tutti a favore di un ospedale di Terni. Insomma, stiamo parlando di un ex calciatore sempre molto legato alla gente e mai vicino all'establishment.

Colui che molti ricordano come "il bomber con la sciarpa al collo" proprio per il suo attaccamento alla maglia, è stato protagonista di ottime annate anche in Serie A, campionato nel quale ha giocato con le maglie di Messina ed Atalanta. Autore di numerosi goal importanti, tra i quali anche uno alla Juventus, una delle squadre favorite ad approdare al prossimo turno europeo secondo le scommesse sulla Champions League, il numero 9 ternano si è sempre contraddistinto per la sua enorme voglia di lottare e di vincere. Il fisico potente e la sua buona tecnica lo hanno aiutato in molte situazioni, soprattutto quando c'era da lottare in piena area di rigore, dove faceva valere la stazza e il senso della posizione. Il suo record di goal in massima serie risale proprio alla stagione 2004-05, quando con la maglia del Messina andò a segno in 12 occasioni, una in più della stagione con l'Atalanta due anni dopo. Tuttavia, il suo cuore è sempre stato rossoverde, legato in maniera viscerale alle vicende della Ternana.

Questo lo dimostrano tante cose, su tutte la sua maniera di esultare dopo un goal con la maglia rossoverde, che ha vestito solo in una stagione ma dando il meglio di sé: furono 19, infatti, le reti messe a referto da Zampagna nella stagione 2003-04 nella quale la Ternana fu una delle squadre protagoniste della serie cadetta. Altrimenti conosciuto come il bomber operaio, fu l'idolo assoluto dello stadio Libero Liberati e ancora oggi viene ricordato con affetto. L'unico anno con la maglia dei suoi sogni fu importante per lui e per la sua squadra, che da oltre quarant'anni non calca scenari di Serie A. Il suo attaccamento alla maglia rossoverde continua a vivere anche oggi che la squadra è in Serie C, e chissà che un giorno non finirà per allenarla.

Foto "Gradinate Stadio" by Antonio Fucito

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.B
Squadra Pt G
Pordenone 73 38
Triestina 67 38
Imolese 62 38
Feralpisalò 62 38
Monza 60 38
Sudtirol 55 38
Ravenna 55 38
L. R. Vicenza 51 38
Sambenedettese 50 38
Fermana 47 38
Ternana 44 38
Gubbio 44 38
Albinoleffe 43 38
Teramo 43 38
Vis Pesaro 42 38
Giana Erminio 42 38
Renate 39 38
Rimini 39 38
A. J. Fano 38 38
Virtus Verona 38 38

ULTIME GARE DISPUTATE