Il Tabellino

FOLIGNO – ORVIETANA 0-0

FOLIGNO (4-3-1-2): Roani; Pinsaglia, Zanchi (21’ st Ciccioli), Petterini, Pagliarini; Pettinelli, Gorini, Giabbecucci (32’ st Salvucci); Ventanni (35’ st Gjinaj); Peluso (40’ st Tempesta), Francioni. A disp.: Manni, Baldoni, Materazzi, Ramilli, Fondi. All.: Armillei.

ORVIETANA (4-2-3-1): Sganappa; Cotigni, Annibaldi, Bricchetti, Bianco; Dida (36’ st Lispi), Bernardini; Perquoti, Locchi (18’ st Colace), Missaglia; Polidori (26’ st Liurni). A disp.: Massetti, Mosconi, Terracina, Dottarelli, Cincarelli, Bartolomei. All.: Fiorucci (in panchina Ciccone).

ARBITRO: Checcaglini di Perugia (Giovanardi di Terni – Capicci di Terni).

NOTE: spettatori 500 circa. Ammoniti: Bernardini (O), Giabbecucci (F), Gorini (F).

Si chiude in parità, 0 a 0, la sfida tra il Foligno e l’Orvietana, con i biancorossi che potranno sempre vantarsi di aver preso quattro punti su sei alla prima della classe. Quella proposta all’inizio è la stessa formazione, vincente, la domenica precedente, sulla Pievese. I primi venti minuti sono i migliori e lo resteranno per tutta la partita. Ci sono due conclusioni di Polidori, il palo clamoroso di Locchi su calcio piazzato, è un vero piacere guardare Cotigni spingere e anticipare l’avversario diretto nel duello sulla fascia, come il gran lavoro di Perquoti che, dall’altra parte, ripiega con continuità e si propone nel contropiede cui si affida l’Orvietana. Cha ha preparato bene la partita, con un’ermetica chiusura degli spazi e tanto possesso nella propria metà campo, pronta ad approfittare di qualche gentile concessione dei falchetti. Dietro c’è Annibaldi che non ne sbaglia una imitato, a sua volta, da Bricchetti. Dida è sempre al centro del gioco e non manca di far sentire il peso della sua presenza. Locchi e Bernardini fanno bene il loro lavoro, davanti, Missaglia e Polidori si votano al sacrificio, perdendo qualcosa nella parte finale del progetto. Tutto ciò si snoda nell’arco dei primi quarantacinque minuti. La ripresa è diversa, complice il caldo che logora il fisico e annebbia le idee. Problemi che si evidenziano su entrambi i fronti e che, forse inconsciamente, sfociano in una specie di trattato di non belligeranza a caratterizzare gli ultimi venti minuti di partita. Lo zero a zero accontenta tutti e l’Orvietana conta sui tre punti ,quasi decisivi, per la prossima volta, ospite il Castel del Piano.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Eccellenza
Squadra Pt G
Tiferno 44 23
Spoleto 41 23
Narnese 38 23
Orvietana 37 23
Nestor 37 23
Trasimeno 35 23
Sansepolcro 35 23
Pontevalleceppi 33 23
Lama 32 23
San Sisto 29 23
Castel del Piano 29 23
Assisi Subasio 28 23
Ducato 27 23
Angelana 26 23
Gualdo Casac. 14 23
Ellera 11 23

ULTIME GARE DISPUTATE