Non ha intenzione di sbagliare una mossa il tecnico rossoverde Fabio Gallo che ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del delicato match interno con il Sudtirol. Già alla prima domanda sulla possibile utilizzazione di Furlan è apparso subito abbottonato:

"Davanti non ho ancora deciso, mi prendo ancora quasi 24 ore che mancano alla partita. Vincere significa togliersi da un casino e mettersi in un altro decisamente più bello. Ma non ci penso ai possibili scenari, cerco di concentrarmi sul lavoro. Cerco di rimanere su questa partita. Mai fatte tabelle perché sempre sbagliate sia da giocatore che da allenatore".

La sostituzione di Defendi. "Castiglia potrebbe essere una soluzione, dipenderà anche dagli altri due che sceglierò per completare il centrocampo. Paghera sta molto bene. Ma anche per questo reparto mi riservo le scelte per le prossime ore. Ho provato più soluzioni, con risultati alterni".

La difesa. "Bergamelli e Russo giocano. Giraudo sta bene, ma anche Fazio, Mazzarani e Pobega.....Vi posso dire il modulo, sarà 4-3-1-2 a specchio con gli avversari".

Gli attaccanti. "Anche Nicastro ha lavorato bene, ha spinto molto per tutta la settimana. Ma è stato fermo per diverso tempo, è chiaro che non posso rischiarlo dall'inizio. E' un giocatore che può darci qualcosa in più sulle palle alte. Marilungo sì ne ha fatti diversi di gol di testa anche con me allo Spezia, non deve giocare spalle alla porta. Dobbiamo concludere di più e cercare di sfruttare anche le palle inattive".

Il Sudtirol. "E' una squadra che sta bene, organizzata. Per due stagioni di seguito ha lo stesso allenatore e non è cosa da poco. Loro hanno raggiunto l'obiettivo, certo vogliono migliorarsi. Noi non lo abbiamo ancora raggiunto e quindi dobbiamo essere più motivati di loro. La motivazione non può essere inadatta alla situazione".

I rigoristi. "Esiste una lista, poi lo tira chi se la sente, decidono loro in base alla situazione. Marilungo e Vantaggiato ne hanno sbagliati, anche Castiglia li calcia bene e Russo li ha sempre tirati".

Rammarico. "La squadra ha raggiunto una sua identità, una certa compattezza, mi preoccupa non fare gol. Il rammarico più grosso è quello di non essere mai riusciti ad andare in vantaggio, gestire e tentare il raddoppio e il terzo gol per chiudere la partita. Invece abbiamo sempre dovuto ragionare sul tentativo di recuperare".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.B
Squadra Pt G
Pordenone 73 38
Triestina 67 38
Imolese 62 38
Feralpisalò 62 38
Monza 60 38
Sudtirol 55 38
Ravenna 55 38
L. R. Vicenza 51 38
Sambenedettese 50 38
Fermana 47 38
Ternana 44 38
Gubbio 44 38
Albinoleffe 43 38
Teramo 43 38
Vis Pesaro 42 38
Giana Erminio 42 38
Renate 39 38
Rimini 39 38
A. J. Fano 38 38
Virtus Verona 38 38

ULTIME GARE DISPUTATE