Nell'isola di Cipro, a Limassol, prima tappa 2019 della Coppa del Mondo Giovanile World Karate Federation K1 valida per il ranking mondiale. La portacolori della Tonic Karate Fitness Terni Anita Pazzaglia, allenata dal Maestro e papà Fabrizio Pazzaglia, coglie una splendida medaglia di bronzo. Anita si presenta a questo importantissimo evento nella forma migliore dopo il debutto con vittoria ad inizio anno 2019 all'Open d'Austria, la partecipazione di nove giorni all'International FemaleTraining Camp di Odessa con il Maestro Denys Morozov ed atlete ai vertici mondiali, le convocazioni ai Seminari Nazionali Giovanili FIJLKAM e le ottime prestazioni agli Open Internazionali in Italia.

La poule vede scontrarsi molte delle atlete più vincenti a livello europeo e mondiale. Su tutte la nazionale francese Assia Oukhattou, oro alla Youth League di Caorle 2018 e argento agli Europei EKF 2018, e la serba Ivana Perovic, oro agli ultimi Mondiali WKF 2017 e alla Youth League di Umag 2017, nonchè finalista alle prime Olimpiadi Giovanili della storia del karate. Al primo incontro Anita si confronta con l'atleta di casa Sofia Constantinov che batte con un netto 6-0 per poi vincere al secondo turno con la francese Mary Guet 3-3 per senshu e proiettandosi così al terzo incontro dove l'atleta ternana si ferma con una estrosa tecnica di gamba dell'atleta rumena Malina Bogdan.

In seguito al suo accesso alla finale, Anita viene ripescata ed affronta al primo turno la nazionale slovacca Zoja Zimnikouloa mettendo fine all'incontro con una tecnica di pugno per 1-0. Al secondo incontro deve confrontarsi con la plurimedagliata Ivana Perovic, campionessa del mondo in carica e reduce due settimane prima dal primo posto gara internazionale Goldenbet dove ha battuto le nostre fortissime atlete della nazionale Italiana Alessandra Mangiacapra e Giulia Angelucci. Anita, nonostante l'evidente differenza di altezza, peso ed esperienza gestisce l'incontro con intelligenza e grandi capacità portandosi in vantaggio con una tecnica di gamba al viso di anticipo uramawashi geri per poi concludere con una tecnica di gamba all'addome yoko geri che spiazza l'avversaria mettendola addirittura al tappeto con la vittoria 5-0.

Alla finale per il bronzo la Pazzaglia trova la giordana Ali Rahaf, vice campionessa agli ultimi campionati asiatici. Con grande determinazione, la ternana conquista il primo punto con una tecnica di braccia per poi chiudere la finale nuovamente con uno yoko geri vincendo con un netto 3-0. E' medaglia di bronzo ma soprattutto la consapevolezza che questa giovane e promettente atleta ternana, sebbene in seguito al cambio di peso alla categoria superiore e neo-diciassettenne, ha dato dimostrazione di essere in grado di confrontarsi a livello mondiale senza nessun timore.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE