E' una nuova stagione, è una nuova Ternana. Vittoria importante anche se sofferta, conquistata contro una formazione difficile da affrontare anche se i rossoverdi hanno sprecato molto e sarebbero potuti passare in vantaggio dopo un minuto.

"Spero di avere sette palle gol tutte le partite - commenta soddisfatto in sala stampa il tecnico delle Fere Fabio Gallo - non saremo mai perfetti perché è la normalità. D'altra parte lo è stato anche per la Juve ieri sera. La squadra ha mostrato però di avere un'identità, un'idea di gioco, ha avuto pazienza. Ha continuato a giocare sempre, tranne che in un paio di situazioni ha avuto fretta. Per il resto abbiamo giocato a calcio. Nel finale di primo tempo abbiamo tirato il fiato anche perché era tanto caldo. Mi è piaciuta meno la gestione negli ultimi dieci minuti, una volta in vantaggio e con l'uomo in più, dobbiamo lavorarci. Ma non si è trattato di un black out come nelle gare precedenti. Fondamentalmente non abbiamo rischiato nulla. Ci siamo abbassati troppo".

Tre ostacoli: Potenza buona squadra, caldo tanto e campo in cattive condizioni.

“Mi dispiace parlare del campo però le condizioni in questo momento non consentono alla squadra di esprimersi al massimo. Ci lavorano tutti i giorni. Abbiamo fiducia nell’azienda che cura il campo. Ci ha garantito che a breve tempo migliorerà. Purtroppo è stato colpito da un fungo maledetto che con il caldo ha proliferato, difficile da debellare. Ma mi hanno garantito che la situazione migliorerà già la prossima in casa”.

Poi la domanda sulla spettacolare rete di Russo.

“Un gesto tecnico importante. Ci lavoriamo molto in allenamento. Sembra una fesseria invece, ripetere il gesto aiuta. Lo facciamo con le sagome. Michele è stato bravissimo a leggere la traiettoria della palla e a gestire il controllo, ha calciato benissimo".

Un altro aspetto della partita riguardo agli esterni.

“Loro erano piatti a centrocampo e ti occupavano gli esterni. Poi dopo 10 minuti si sono messi a 5 ed hanno iniziato a marcare Mammarella. Così l’idea nostra è stata di spingere dall'altra parte. Qualche volta ci siamo riusciti altre no. Le condizioni del campo non ci hanno consentito di giocare con la necessaria velocità”.

Sulle sostituzioni.

“Proietti aveva un po' di affaticamento all’adduttore, Defendi poi aveva i crampi. Paghera e Palumbo sono entrati bene. Per l'ultima sostituzione avevo pensato a Niosi che è uno che va con velocità a rincorrere tutti, ma ho visto il collega che preparava dei cambi offensivi e ho optato per l'ingresso di Bergamelli mettendomi a tre in difesa”.

L'ultima pillola è sul calciomercato che chiude domani.

“Non ho parlato con direttore. Adesso in macchina avrò tempo per fare il punto della situazione. Vediamo quello che può venire fuori. Siamo abbastanza messi bene in tutti i reparti. Vediamo se c’è qualcosa d’interessante che può farci migliorare. Sicuramente serve un terzo portiere”.

Sull'altro fronte la delusione per il risultato di Giuseppe Raffaele, tecnico del Potenza:

"C'è del rammarico perché abbiamo pareggiato la prestazione. Partita decisa da un episodio, un eurogol. Siamo stati bene in campo per organizzazione fino ai 70 metri. Ci è mancata la determinazione negli ultimi 20, avevamo però molte assenze in attacco e nel finale ho inserito un centrocampista, che ha doti offensive, per fare la punta. Il campionato? Ci sono 4-5 squadre attrezzate più per la serie B che per la C, anche per struttura societaria. Ternana, Catania, Bari, Reggina e Catanzaro, ma sarà una battaglia anche con quelle che hanno altri obiettivi. Sarà battaglia anche con quelle che dovranno sudarsi la salvezza".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.C
Squadra Pt G
Reggina 69 30
Bari 60 30
Monopoli 57 30
Potenza 56 30
Ternana 51 30
Catania 47 30
Catanzaro 43 30
Teramo 41 30
Virtus Francavilla 40 30
Avellino 40 30
Vibonese 39 30
Viterbese 39 30
Casertana 38 30
Cavese 38 30
Paganese 36 30
Picerno 32 30
Sicula Leonzio 29 30
Bisceglie 20 30
Rende 18 30
Rieti 15 30

ULTIME GARE DISPUTATE