Il Tabellino

ORVIETANA - TIFERNO 1-1

ORVIETANA: BECCACECI, LANZI, BIANCO,GRIZZI (46' MORTAROLI), DIDA (71' COTIGNI), DE VITIS, PALETTA, COLANGELO (88' PERQUOTI), DANIELI, LOCCHI (90'KEITA), CHIUMARULO (71' ANNIBALDI). ALL. FIORUCCI

TIFERNO 1919: VACCARECCI, GRILLI, BIANCHI (59' TERSINI), MORVIDONI, CANGI, ERAMO, BRUSCHI, MARIUCCI, SBARDELLA (81' MERCURI), BARTOCCINI, GRANDI. ALL. SANTECECCA

ARBITRO. NICCHI DI GUBBIO (DI GRAZIA - BIZZARRI)

MARCATORI: 19' GRANDI (T), 27' COLANGELO (O)

L’Orvietana disputa una buona partita ma il pareggio non basta e sarà la Tiferno a giocare la finale di Coppa. Gara bella e combattuta, con un primo tempo diviso a metà fra le due formazioni e una ripresa nella quale l’esperienza e la qualità degli altotiberini hanno vanificato lo sforzo, ad ogni modo encomiabile, dei ragazzi in maglia verde, per dovere di ospitalità. Fiorucci decide per il va o la spacca, proponendo una difesa a tre, nella quale il giovanissimo Alessandro Lanzi finirà per non sfigurare. Bianco e Paletta ricoprono il ruolo di esterni, a Chiumarulo e Danieli il compito di perforare la granitica retroguardia ospite che ha, nella coppia centrale il suo punto di forza. L’inizio non sembra dar ragione alle scelte del tecnico, perché le ripartenze della Tiferno sono micidiali e dopo sette minuti la porta di Beccaceci va ad un passo dalla capitolazione. Il vantaggio resta nell’aria e si concretizza dopo 19’, con la difesa, nella circostanza, non messa bene e un po’ smarrita. Il gol anestetizza un po’ la Tiferno e ciò consente all’Orvietana di uscire dal guscio e mettere in vetrina le giocate preparate ma, fino allora, rimaste nel cassetto. Il pareggio è una vera perla firmata Colangelo, il cui slalom ubriacante semina gli avversari, prima di piazzare la palla nell’angolo alto, alla sinistra dell’immobile Vaccarecci. La ripresa presenta un’Orvietana che torna all’antico, con il modulo più collaudato. Mortaroli non incide e anche il subentro di Annibaldi e Cotigni non riesce a confezionare palloni buoni per Danieli, sovrastato anche nel gioco aereo. La partita s’indirizza maggiormente sul piano fisico con i difensori e i centrocampisti che riescono nel tenere la palla a distanza di sicurezza dai rispettivi portieri. Il palo interno colpito dagli ospiti nei minuti finali ne attesta l’approdo in finale, tutto sommato, meritato

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Eccellenza
Squadra Pt G
Tiferno 44 23
Spoleto 41 23
Narnese 38 23
Orvietana 37 23
Nestor 37 23
Trasimeno 35 23
Sansepolcro 35 23
Pontevalleceppi 33 23
Lama 32 23
San Sisto 29 23
Castel del Piano 29 23
Assisi Subasio 28 23
Ducato 27 23
Angelana 26 23
Gualdo Casac. 14 23
Ellera 11 23

ULTIME GARE DISPUTATE