Il Tabellino

TRASIMENO – ORVIETANA 2 – 2

TRASIMENO: STANIC, GUASTICCHI, FRATINI, FATTORINI, FIORUCCI, MOYANO, PATRIGNANI (46’ SILVESTRI), POLI, MICCIO, VENTANNI, BRACCALENTI (83’ SACCO). ALL. FARSI

ORVIETANA: BECCACECI, PALETTA, SIMONCINI (88’ BIANCO), ANNIBALDI, DIDA, DE VITIS, LOCCHI, MARCHI, DANIELI, CHIUMARULO (71’ PERQUOTI), SULIMANI (54’ KEITA) (95’ LANZI). ALL. FIORUCCI

ARBITRO: ORISTANIO DI PERUGIA (SILVIOLI – BARONI)

MARCATORI: 35’ MICCIO (T), 51’ BRACCALENTI rig. (T), 62’ MARCHI (O), 74’ ANNIBALDI (O)

Espulsi: 30’ FIORUCCI (O), 75’ DIDA (O), 93’ GUASTICCHI (T), 95’ DE VITIS (O).

Partita con quattro reti ed è la prima volta che succede nelle partite in trasferta, ma l’Orvietana ne segna solo due, in rimonta, dopo essere andata sotto due volte, complici errori individuali risultati decisivi. I gol subiti nascono, entrambi, per palloni giocati male a centrocampo, sul secondo è censurabile anche la respinta di Beccaceci, con palla smanacciata e rimessa in mezzo al campo. Gara, tutto compreso, ricca di emozioni, con quattro espulsi e una lunga serie di ammoniti, che il giovane arbitro Oristanio ha gestito con metri diversi, passando dalla rigidità all’eccessivo permessivismo. L’Orvietana dei primi venti minuti da la sensazione di avere in mano la partita, pur concedendo qualcosa di troppo, almeno in un paio di circostanze non capitalizzate dagli avanti di casa. C’è un atterramento subito da Dida che ha del sospetto, segue un salvataggio sulla linea operato da Fiorucci, a portiere battuto. Chiumarulo ha le cartucce bagnate, come il terreno di gioco e quando arriva al tiro, non riesce a essere decisivo. Alla mezz’ora il primo cartellino rosso, per un brutto fallo su Locchi ad opera di Fiorucci, che pone l’Orvietana in superiorità numerica. Sembra manna piovuta dal cielo e, invece, cinque minuti dopo arriva il vantaggio della Trasimeno, con Miccio, che vince, di forza, un duello con Paletta e infila la palla, non forte, nell’angolino alla sinistra di Beccaceci. Quattro minuti dopo, Patrignani è protagonista di un intervento da vero killer ai danni di Danieli, l’arbitro assegna la punizione, senza altri provvedimenti. Un errore grave, quello commesso dal direttore di gara, che finirà per condizionarlo nel seguito della partita. Si va al riposo, con la percezione che la partita abbia ancora molto da dire. E, infatti, dopo sei minuti del secondo tempo, la difettosa respinta di Beccaceci serve a mantenere la palla viva, c’è parecchia confusione in area per la teatrale caduta di un avversario, i difensori biancorossi sono presi, per un attimo, dal panico e Dida stende Braccalenti. Rigore ineccepibile, cartellino giallo per il numero cinque biancorosso e penalty realizzato dallo stesso Braccalenti. Due a zero e palla al centro, con i tifosi biancorossi al seguito che faticano a raccapezzarsi. Entra Keita ed è il primo segnale di riscossa, in quanto, forse più abituato a stare in campo, si mette a disposizione della squadra, svolgendo sia azione di copertura, sia nella fase propositiva. Dopo una deviazione di Stanic sul calcio piazzato di Locchi, c’è la rete annullata a Chiumarulo, valutato in fuori gioco dal secondo assistente. Il quale, nei minuti a seguire, si renderà protagonista di due o tre decisioni a danno dell’Orvietana, tutte da rivedere. Al minuto 62, una bordata di Danieli lambisce l’incrocio, complice il tocco di un difensore. Dagli sviluppi dell’angolo la palla perviene a Marchi, bravo a coordinarsi e far partite la staffilata, imparabile per Stanic. I biancorossi continuano a spingere e Keita, pochi minuti dopo, guadagna un prezioso tiro dalla bandierina. Batte Locchi e per Annibaldi, piazzato all’altezza del secondo palo, metterla dentro è un gioco da ragazzi. L’arbitro, che dall’inizio della ripresa non fischia più nulla, punisce, però, un intervento di Dida con il giallo, che ne provoca l’espulsione per doppia ammonizione. Si rivede Mirco Perquoti, nel momento in cui, la ritrovata parità numerica, la voglia di vincere dell’Orvietana e quella della Trasimeno che non vede i tre punti da quasi de mesi, accendono la presa alla Bastiglia, dove frenesia e stanchezza prendono il sopravvento. I biancorossi provano senza riuscire a mordere, gli altri fanno lo stesso. Del disordine tattico fa le spese De Vitis, verso il quale, il sig. Oristanio usa, di nuovo e non a proposito, il metodo severo, che, con il secondo giallo finisce anzitempo negli spogliatoi. Preceduto, tre minuti prima, da Guasticchi. Parità numerica ristabilita, anche se, sull’Orvietana, potrebbero pesare molto i tanti gialli, comminati a Danieli, Simoncini, Chiumarulo e, probabilmente, qualche altro. Ma non è finita, nonostante si sia già andati oltre i 5’ del recupero segnalato, perché dal calcio piazzato nato per il fallo commesso da De Vitis, arriva l’inserimento di Moyano per spedire la palla alle spalle di Beccaceci. La gioia dei padroni di casa dura poco, spenta dalla bandierina del primo assistente, rimasta alzata.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Eccellenza
Squadra Pt G
Spoleto 36 19
Narnese 36 19
Tiferno 34 19
Orvietana 30 19
Sansepolcro 30 19
Nestor 30 19
Trasimeno 29 19
Lama 28 19
Pontevalleceppi 27 19
Castel del Piano 25 19
Angelana 23 19
Ducato 23 19
San Sisto 21 19
Assisi Subasio 21 19
Gualdo Casac. 10 19
Ellera 8 19

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
23a di campionato, 26/1/2020
Monopoli - Ternana 0 - 0
Eccellenza
19a di campionato, 26/1/2020
Angelana - Orvietana 1 - 2
San Sisto - Narnese 1 - 3
Promozione gir. B
19a di campionato, 26/1/2020
Romeo Menti - Amerina 0 - 0
Petrignano - San Venanzo 1 - 2
Giove - Olympia Thyrus 2 - 1
AMC 98 - Vis Foligno 2 - 0
Clitunno - Montefranco 4 - 0
Campitello - Athletic Bastia 2 - 1