Una vittoria importante e meritata per il quintetto ternano, che costringe l'Assisi a giocare tutta la partita sotto i suoi consueti standard grazie ad una difesa (la migliore prestazione dell'anno) che blocca le tante bocche da fuoco in possesso di coach Felicetti. Il piano partita provato in settimana ha dato i suoi frutti e questo ha consentito di essere più "leggeri" mentalmente anche in attacco. Andando alla cronaca del match, il primo quarto è tutto di marca bianco verde, con Rinaldi che spinge forte sull'acceleratore innescando a turno i vari Frolov, Carosi e Alija e l'Assisi sembra frastornato da questa partenza. Neanche il time out ospite cambia l'inerzia e la prima frazione si chiude sul 21-11. Nel secondo quarto, cambiano i protagonisti (in campo Picchiarati, Macchioni, Finetti e Passari) ma non la sostanza e con la difesa che chiude ogni possesso assisano e Passari che ruba punti a rimbalzo in attacco si va negli spogliatoi sul 35-25. Il miglior momento della Virtus è a metà del terzo quarto quando il punteggio segna 47-29 che sembrerebbe chiudere i conti sul match ma nel basket può cambiare tutto in pochi secondi, a maggior ragione se di fronte hai la prima della classe. E purtroppo questo accade, quando un cambio di difesa di Assisi inceppa l'attacco e consente di rubare facili punti in contropiede fino ad arrivare sul 54-50 e neanche i due time out a breve distanza di Pasqualini consentono di arginare la "tempesta". Poi ci pensa la solita difesa (solo 6 punti concessi nell'ultimo quarto) e Omer Alija che con sei punti consecutivi, intervallati da un libero di Frolov, mette la parola fine sul risultato. Ovviamente tutti soddisfatti in casa Ferretti, con l'unica pecca per un piccolo infortunio subito da Lorenzo Carosi che speriamo non sia nulla di grave. Prossimo appuntamento venerdì 28 febbraio a Contigliano.

Virtus Ferretti: Belvedere, Picchiarati 2, Grilli, Finetti, Passari 4, Carosi 14, Macchioni, Rinaldi 15, Frolov 11, Arra 3, Alija 12.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE