"La Ducati ha deciso di non continuare il nostro rapporto. E' chiaro che dispiace, ma il mio obiettivo è rimanere in MotoGP. Solo un anno fa vincevo, quindi vorrei continuare a vincere ancora". In queste parole di Danilo Petrucci, tratte dalla recente intervista rilasciata al TG3 Umbria in una giornata di allenamento al crossodromo di Gioiella, ci sono passato e futuro del pilota ternano. Petrux tornerà in pista per il motomondiale a luglio deciso a dare battaglia per dimostrare alla Ducati di averlo messo frettolosamente da parte prendendo per il 2021 l'australiano Jack Miller e al tempo stesso per assicurarsi un contratto ancora in MotoGP con un'altra scuderia (si parla insistentemente dell'Aprilia n.d.r.).

E per quanto riguarda il passato Petrux è a un anno esatto dalla conquista della sua prima vittoria nella classe regina, nel Gran Premio d'Italia sul circuito del Mugello. Tutti abbiamo negli occhi quell'immagine del sorpasso decisivo del ternano, all'interno, ai danni di Marc Marquez e del compagno di scuderia Andrea Dovizioso. Le lacrime di gioia sul podio e tutto il mondo delle due ruote che si accorgeva di Petrucci, pilota fatto in casa arrivato ai vertici dopo tanta gavetta. La seconda parte di stagione non è stata poi esaltante a livello di risultati, tanto che Danilo, per lungo tempo tra i tre migliori piloti del circus, si è ritrovato a fine stagione al sesto posto. Ha meditato a lungo sugli errori commessi Petrucci che, a quasi 30 anni, si è trovato a dover analizzare con grande senso critico quella che paradossalmente è stata la sua migliore stagione da pilota. Con la giusta grinta, ma anche con la serenità di essere consapevole di aver lavorato sempre in modo duro e onesto, il pilota ternano è pronto a rimettersi in discussione per tornare ai livelli della prima parte della stagione 2019. Daje gas Petrux, come al Mugello un anno fa!

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE