Grande attesa in città da parte degli appassionati di ciclismo per la tappa di giovedì 10 settembre della Tirreno-Adriatico Terni-Cascia di 194 chilometri. Si tratta della quarta frazione della Corsa dei Due Mari ed è la prima con asperità di rilievo: Forca di Gualdo a 1496 metri s.l.m. e Rifugio Perugia a 1521 con in mezzo il passaggio a Castelluccio di Norcia. La carovana dopo la tappa odierna che si concluderà a Saturnia si sposterà a Terni dove giovedì mattina alle 11 verrà data la partenza da Piazza della Repubblica. Poi una passerella per Corso Tacito, Via Battisti, Via Borsi, Viale dello Stadio, Ponte Allende, Via Montefiorino e la partenza lanciata che verrà data dal chilometro zero in Via Narni (nella foto), comunque sulla Flaminia. Dopo aver attraversato il territorio del comune narnese i corridori passeranno per San Gemini per fare ritorno a Terni nella zona nord della città e dopo Borgo Rivo percorreranno via Proietti Divi per dirigersi poi sulla statale Valnerina. Sullo stato delle strade e del verde non curato nelle zone interessate i consiglieri comunali del PD Francesco Filipponi e Tiziana De Angelis hanno diffuso una nota che riportiamo.

Giovedì sulle strade ternane si correrà la Tirreno Adriatico, lo spettacolo che la corsa avrà di fronte sarà simile ad un girone infernale di Dante. L'amministrazione Latini in questi mesi ha avuto il tempo necessario per migliorare le strade e il verde del nostro comune, ma i fatti appaiono palesi a tutti. Alcune strade periferiche interessate dalla corsa sono disseminate di buche, per non parlare della vegetazione che infesta i bordi stradali. Giovedì alla Tirreno Adriatico la nostra città presenterà un biglietto da visita scadente: queste gare dovrebbero essere l'occasione per far conoscere il nostro territorio, rilanciando così il turismo collegato allo sport in generale. Tra due giorni saremo presenti alla manifestazione sperando nonostante tutto nel buon esito della stessa. Infine, non c'è che dire siamo di fronte ad una amministrazione, la quale oltre a non conoscere la differenza tra la corsa Tirreno adriatico, e la strada Adriatica è praticamente assente su ogni fronte.
Francesco Filipponi e Tiziana De Angelis (PD)

LA RISPOSTA DELLA LEGA
“Alle menzogne che il Pd ternano sta diffondendo a mezzo stampa riguardo la situazione delle strade del Comune di Terni, la giunta Latini risponde come sempre con i fatti. Gli esponenti della sinistra locale, mentono sapendo di mentire, dopo decenni in cui non hanno mai manutenuto la rete stradale comunale, di incuria, di mala gestione e di malgoverno, per screditare questa amministrazione, non gli resta che affidarsi alle fake news”. Così il gruppo consiliare della Lega al Comune di Terni, replica agli attacchi scomposti del Partito Democratico sul passaggio della Tirreno-Adriatico nel nostro territorio. “E’ sotto gli occhi di tutti i cittadini – continuano i consiglieri leghisti- il buon lavoro che l’amministrazione sta facendo per ripristinare un adeguato manto stradale. In questi due anni, la rete viaria comunale è stata notevolmente migliorata con interventi mirati in tutte le aree della città, chi dice il contrario, o non vive a Terni, o lo fa in maniera strumentale per attacchi politici, che nulla hanno a che vedere con la realtà” “ Questa giunta – aggiungono i consiglieri del carroccio- sta ridando dignità anche alle aree più periferiche della città, con lavori di riqualificazione costanti, non trascurando nessun quartiere e non lasciando indietro nessuna zona. Sappiamo che alla sinistra questo modo di operare può sembrare strano, ma i soldi pubblici, possono anche essere spesi per il bene della collettività, non privilegiando determinate aree a scapito di altre, lo avevamo detto in campagna elettorale e lo stiamo facendo. Abbiamo trovato strade dissestate almeno quanto la situazione finanziaria dell’ente, ma grazie al buon governo della Lega, con fatica il cambiamento è arrivato”.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE