C'era attesa per le prime parole di Cesar Falletti, al suo ritorno alla Ternana. Argomento ovviamente al primo posto nelle domande in conferenza stampa:

"Perché sono tornato? Per il progetto ambizioso che ha la società. C'è voglia di tornare in B e farò di tutto per aiutare la squadra ad ottenere questo risultato. Sono andato in Messico per giocare. Già a gennaio avevo voglia di tornare, lì non stavo giocando, ero lontano da casa e non stavo bene. Poi sono successe tante cose. Quando ha chiamato la Ternana non ci ho pensato due volte. Mio figlio è nato qui".

Le esperienze in Messico e a Bologna: "In Messico ero andato per giocare, invece mi sono ritrovato in tribuna. Ho sbagliato scelta. Non sarei dovuto andare. Adesso sono felice di stare qui perché è quello che voglio. A Bologna sono arrivato e stavo giocando bene. Ho fatto un grande ritiro. Poi all'ultima partita del ritiro mi sono infortunato e sono stato fuori 4 mesi. Ho sofferto per riconquistare lo spazio conquistato. Non smetterò mai di ringraziare il Bologna per l'opportunità che mi ha dato".

Il Falletti attuale, le condizioni fisiche: "Non mi sento un leader. Posso dare una grande mano, ma come me anche tanti miei compagni. C'è una rosa forte e determinata di fare bene. L'ho visto appena entrato nello spogliatoio. Si vede anche negli allenamenti dove lavoriamo a mille all'ora. Questa qualità di allenamento dobbiamo portarla anche in partita. Adesso inizia il campionato e dobbiamo essere pronti. Rispetto ai miei compagni sono un pò indietro. Ero a casa, mi allenavo da solo. Ho parlato con il Prof e gli ho detto di rimettermi in riga. Ho giocato a Pescara e mi sono sentito stanco. Con il lavoro che sto facendo credo di stare bene già per martedì. Per ora sono al 70%".

Sul campionato: "Non ci sono spazi, ci sarà gente dura che picchierà. Sono pronto e determinato. Questo campionato non lo vince Falletti, Vantaggiato o Marilungo. Ho parlato con Lucarelli e me lo ha ribadito pure lui che non devo vincerlo da solo, ma con la squadra, il gruppo. I tifosi possono stare tranquilli perché faremo di tutto per cercare di salire di categoria".

Il colloquio con Lucarelli: "Al mister piace giocare con il 4-2-3-1 e anche a me piace tanto, perché ho libertà di movimento, posso giocare con la punta ma anche con gli esterni. Gioco dove mi mandano, ci mancherebbe. Non dirò mai di no. Questo sarà un campionato difficile. Ci sarà bisogno di mettere qualità ma in Serie C non basta. Servirà correre".

I messaggi di due ex rossoverdi: "Ho sentito Avenatti e vi saluta tutti. Gioca e bene in Belgio. E' contento dove sta così come è contento del mio ritorno alla Ternana. Ceravolo che mi ha detto bentornato a casa. Gli ho detto di tornare e mi ha risposto che è complicato poi non ha più risposto, non so se ci sta pensando. A parte tutto ho ricevuto tanti messaggi e mi ha fatto piacere. Così come il grande affetto con cui sono stato accolto al mio arrivo".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.C
Squadra Pt G
Ternana 15 7
Teramo 14 6
Avellino 13 5
Bari 11 5
Turris 10 4
Juve Stabia 10 7
Vibonese 8 5
Catanzaro 8 5
Monopoli 8 6
Bisceglie 7 4
Catania 6 5
Virtus Francavilla 5 7
Viterbese 5 6
Potenza 5 6
Casertana 3 5
Foggia 3 5
Paganese 3 6
Palermo 1 4
Cavese 1 6
Trapani -1 0

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
7a di campionato, 25/10/2020
Ternana - Foggia 2 - 0
Eccellenza
1a di campionato, 18/10/2020
Orvietana - Lama 1 - 0
Castel del Piano - Olympia Thyrus 2 - 1
Branca - Narnese 1 - 3