Mai come quest’anno il Girone C della Lega Pro è ricco di grandi piazze che stanno sgomitando per tornare presto in Serie B. Tra queste spuntano la Reggina che attualmente guida la classifica a quota 25 punti, la Ternana al terzo posto, il Bari quarto e l’Avellino più staccato al tredicesimo posto.

Reggina capolista

Partiamo con la squadra di mister Toscano che guida la classifica. La squadra amaranto on il poker rifilato al Picerno si prende la palma del miglior attacco del girone C. Con questo ruolino la Reggina è la principale indiziata alla promozione in Serie B, lo confermano con le loro quote anche gli analisti di NetBet.

Amaranto di Toscano che volano a quota 22 reti realizzate, una in più della coppia Paganese-Vibonese, ferma a 21 marcature.

Amaranto peraltro attacco più prolifico della serie C: nessuna ha segnato tanto, Virtus Verona si ferma a 21 e il Monza di Berlusconi a 20. Con i gol siglati da Denis e Rolando, la Reggina ha portato a rete ben 10 calciatori. Il solito Corazza è il bomber amaranto con 9 marcature all'attivo, a 2 ci sono Bellomo e proprio il Tanque.

La squadra di Toscano, in ogni caso, non è la formazione che ha portato in gol più uomini: al primo posto c'è la Viterbese che ha segnato con 11 calciatori diversi, a 10 c'è anche il Potenza.

Bari

Altra grande protagonista di questa stagione è il Bari. Chiamato in corsa a sostituire Cornacchini, Vivarini ha ottenuto per ora tre vittorie (tra cui il prestigioso 2-0 sulla Ternana) e un pareggio contro l’Avellino di Capuano. Il tecnico propone un 3-5-2 molto diretto, in cui si cerca di giocare subito in verticale verso le punte. Gli attaccanti devono combinare palla al piede e devono saper alternare movimenti in ampiezza e in profondità. In porta il titolare è Frattali. Il terzetto difensivo sarà composto da Sabbione, Di Cesare e Perrotta. Sulla fascia destra dovrebbe giocare Berra, con Kupisz a sinistra. In mezzo agirà Scavone affiancato da due fra Bianco, Schiavone e Awua. In avanti sicuro del posto solo Simeri. Antenucci è l’altro titolare, ma se non dovesse partire dal 1′ è pronto Neglia.

Avellino

Il nuovo Avellino targato Eziolino Capuano sta dimostrando di potersela giocare per un posto nei play off. Capuano aveva detto che avrebbe lavorato soprattutto sulla testa dei suoi ragazzi, e così è stato. L’Avellino è tenace come l’acciaio, si piega ma non si spezza. E’ granitico in difesa, si sgretola, ma non crolla. Fa ancora fatica in attacco, Charpentier a parte, ma si può rimediare anche in questo caso. L'Avellino ha resistito alla furia della Ternana, altra corazzata come il Bari, chiudendo l’incontro con un ’97 (Illanes), un ’98 (Rossetti), tre ’99 (Silvestri, Micovschi e Charpentier) e un 2000, e che 2000, quel Fabiano Parisi che ha fatto stropicciare gli occhi ai telecronisti di Rai Sport.

In generale tutta la squadra ha risentito positivamente della cura Capuano, commosso in sala stampa nel paragonare il suo Avellino a un bimbo di 4 mesi da tenere in braccio e difendere dalle avversità e dai pericoli. E l’Avellino di pericoli intorno ne ha a iosa, a iniziare da una società che continua a subire schiaffoni, finita nel mirino della Procura e della Guardia di Finanza che, a braccetto, indagano sulla Sidigas e sul suo passato.

Ternana

Nell’ultima gara persa con l’Avellino la Ternana è andata in campo con il 3-5-2. In barba anche al 4-3-1-2 annunciato sulle distinte ufficiali distribuite prima della gara. Mammarella in panchina e Furlan a fare l’esterno sinistro, spostato poi a destra con l’inversione degli esterni nella parte finale del primo tempo. La vera sorpresa è venuta fuori in attacco, con Vantaggiato insieme a Marilungo. Ma è anche stata una scelta non felice. L’ex livornese si è visto pochissimo, tranne una palla ribattuta involontariamente da lui stesso davanti alla porta avversaria su tiro di Marilungo e una conclusione da fuori area alta sopra alla traversa.

Nella prossima partita le Fere se la vedranno a Vibo Valencia, nella trasferta di domenica 27 ottobre. Sarà una partita molto difficile contro la Vibonese che al momento occupa la undicesima posizione in classifica, a quota 15 punti, a pari con il Teramo. La Ternana, invece, è terza nonostante la sconfitta con l’Avellino, ma deve guardarsi dal Bari distante una sola lunghezza e dal Monopoli, quinto a quota 19. Un match che potrà dire tanto sulle possibilità di promozione della Ternana.

Una piccola menzione va fatta anche al Potenza del presidente Caiata che, anche soltanto per una domenica, è riuscito a raggiungere il primo posto in graduatoria. I potentini non saranno sicuramente i favoriti sulla carta ma meritano rispetto perché la squadra è di ottimo livello e sicuramente darà filo da torcere a tutti durante la stagione.

ALTRE NOTIZIE

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
20a di campionato, 22/1/2020
Ternana - Rieti 3 - 0
Eccellenza
18a di campionato, 19/1/2020
Orvietana - Nestor 1 - 2
Narnese - Ducato 1 - 0
Promozione gir. B
18a di campionato, 18/1/2020
Viole - Giove 2 - 1
Olympia Thyrus - Julia Spello 2 - 1
Montecastello Vibio - San Venanzo 0 - 1
Massa Martana - Romeo Menti 5 - 1
Clitunno - Montefranco 4 - 0
Campitello - Athletic Bastia 2 - 1
Amerina - AMC 98 3 - 0