Spazi per l'arte e per la cultura anzichè nuovi negozi e attività commerciali. Questa la proposta del presidente di Confcommercio Terni, Stefano Lupi, sul progetto di riqualificazione dello stadio Libero Liberati proposto dalla Ternana Calcio. Una sorta di originale Beaubourg (il Centro nazionale d'arte e di cultura Pompidou a Parigi) dove sport e cultura convivono nella stessa struttura, creando stimoli ed opportunità.

"Sostituiamo una visione che guarda all'incremento di inutili superfici commerciali - scrive Lupi - con una progettualità innovativa, focalizzata sul settore sportivo, artistico/culturale, dell'istruzione/formazione, del tempo libero, del benessere e del sostegno all'autoimprenditoralità giovanile. Ciò rappresenterebbe un interessante modello di nuovo sviluppo urbano, favorendo un processo complessivo di crescita dei servizi".

"Pensiamo al progetto - prosegue il presidente di Confcommercio - come acceleratore per la nascita di start up creative, di scuola/centro di formazione, a strutture ricreative e polifunzionali quali un auditorium, uno spazio espositivo, sale di registrazione, sale prove per musicisti ed artisti. Il progetto dello stadio, con questa caratterizzazione, contribuirebbe a generare una forte identità della città, fungendo da catalizzatore sociale e punto di attrazione per residenti e visitatori. Sarebbe un esempio unico al mondo".

Una proposta che il presidente Bandecchi, come riporta oggi Il Messaggero di Terni, definisce condivisibile. "Va vagliata e approfondita" le parole di Bandecchi riportate dal quotidiano. Pur ribadendo che il progetto di riqualificazione dello stadio ha una sua sostenibilità economica che passa per la clinica convenzionata e che il museo della Ternana, il bar e il ristorante sono punti fermi da cui non si deve prescindere, per il resto sui 6.000 metri quadri destinati al commerciale presenti nel progetto di fattibilità la proposta è condivisibile.

"Per l'attuale saturazione commerciale a Terni - insiste Lupi - la rinascita del sistema economico urbano non può fondarsi sulla diffusa ed ulteriore presenza di medie e/o grandi superfici commerciali. Dovremmo sviluppare spazi polifunzionali, capaci di migliorare la qualità della città, valorizzando una vera coesione di comunità. Un efficace processo di rigenerazione urbana non dovrebbe prescindere dal guardare alla città del futuro, interpretandone le trasformazioni a livello sociale ed economico: coinvolgendo il settore dell'istruzione, prevedendo un ambito culturale, favorendo la nascita di imprenditorialità nel settore dell’economia creativa, offrendo occasioni di socialità e risposte concrete alle esigenze dei giovani".

Intanto, dopo la dichiarazione di pubblico interesse da parte del Comune di Terni, Bandecchi ha dato mandato al progettista di realizzare il progetto esecutivo che dovrà tenere conto delle osservazioni emerse dalla Conferenza dei servizi e che potrebbe essere consegnato in Regione entro il mese di ottobre.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.C
Squadra Pt G
Ternana 90 36
Avellino 68 36
Catanzaro 68 36
Bari 63 36
Juve Stabia 61 36
Catania 59 36
Palermo 53 36
Teramo 52 36
Foggia 51 36
Casertana 45 36
Monopoli 41 36
Viterbese 40 36
Potenza 39 36
Turris 39 36
Virtus Francavilla 38 36
Vibonese 36 36
Paganese 32 36
Bisceglie 30 36
Cavese 23 36
Trapani -1 0

ULTIME GARE DISPUTATE