Metti una sera di primavera, tanti giovani (e meno giovani) rugbisti; metti un campo da rugby e una palla ovale; metti il pubblico degno delle grandi occasioni: e così è andata di scena la sfida tra giocatori di rugby Over30 e Under30 che venerdì sera al San Valentino di Terni hanno dato vita a una bellissima serata di sport e divertimento.

Nata quasi per scherzo, l’idea del Direttivo della Ternana Rugby Club di vedere in campo in una serata tutti i giocatori di rugby ternani ha preso forma piano piano fino a diventare un vero e proprio evento. Il tam tam attraverso telefono e social ha investito praticamente tutti coloro che per diverse generazioni hanno calcato i campi da rugby con la maglia rossoverde, innamorati dei colori di una città da una parte e dall’altra dal rimbalzo impazzito di una palla ovale che per molti rappresenta non solo uno sport giocato e da giocare, ma una vera e propria filosofia di vita.

E cosi venerdì sera sono stati quasi cinquanta i giocatori che prima hanno dato vita a una sfida in campo, giocata in tre tempi da venticinque minuti e poi, durante il terzo tempo, si sono ritrovati a festeggiare tanti ricordi e a parlare di tante novità e dei nuovi progetti.

L’entrata scenografica da parte dei giovani con tanto di pulmino e fumogeni ha trovato in campo la
contrapposizione degli over30 che nel primo tempo hanno fatto valere la maggiore esperienza soprattutto nelle fasi statiche di gioco. E così il primo tempo è terminato con il vantaggio degli Over30.

Il secondo e terzo tempo sono stati infuocati in una partita che, grazie anche al calore del pubblico presente è sembrata più una finale che una semplice amichevole. Il risultato è rimasto sostanzialmente in equilibrio fino ultimi 20 minuti dove la squadra più giovane (e più numerosa) grazie alla buona preparazione fisica ha portato a casa la vittoria per 22-12.

E prima di lasciare il campo di gioco non poteva mancare un cerchio che riunisse tutti i giocatori scesi in campo per un urlo “DRA-GHI” che è rieccheggiato imponente tra i palazzi e le case intorno all’impianto.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE