Il Tabellino

ORVIETANA – AREZZO 0 - 4

ORVIETANA: Rossi, Biancalana (56’ Lanzi), Jaziri (72’ Carletti), Borgo, Ricci, Suhs, Guazzaroni (68’ Spinelli), Rinaldi (52’ Proietti), Tomassini, Bracaletti (80’ Di Natale), Nicodemo. All. Ciccone

AREZZO: Trombini, Risaliti, Settembrini, Samake (65’ Diallo), Pattarello, Gaddini (74’ Convitto), Poggesi (80’ Zona), Lazzarini, Damiani (50’ Bianchi), Castiglia (76’ Forte), Pericolini. All. Indiani

Arbitro: Torreggiani di Civitavecchia (Scribani – Barbanera)

Marcatori: Risaliti 25’ e 76’, Gaddini 61’, Forte 84’

Una potenza diversa, devastante quella dell’Arezzo. Il propulsore dei biancorossi sarà, quindi, nella condizione di competere con altri avversari, ma oggi c’era poco da fare. Troppa la forza individuale, altrettanto il passo e pure la tecnica. La squadra di Ciccone, nuova e con elementi alla prima esperienza nella nuova categoria ha sofferto, oltre il prevedibile, l’impatto. Di là dalla differenza di valori, non è riuscita a essere la squadra operaia che tanto desidera l’allenatore. La prima pagina, ormai scritta, va subito archiviata e si pensi alla seconda. Il Muzi gremito non lo si vedeva da tanto tempo. I calciofili della città della Chimera sono arrivati in tanti e hanno fatto il loro dovere di sostenitori. Gli orvietani non erano nel numero cui si pensava. I ragazzi delle giovanili hanno dato il loro contributo, vociante e numerico, per far apparire più ricca la tribuna metallica, opposta a quella centrale. L’Arezzo è subito partito a razzo e Samake impegna subito Rossi con un colpo di testa. Fra i biancorossi, un po’ a sorpresa, c’è Guazzaroni dal primo minuto a fare il terzo di centrocampo. Parte seguendo le orme di Settembrini, a volte si decentra sulla destra. Gli amaranto, ogni qualvolta riescono a distendersi fanno paura. La difesa biancorossa tiene, ma avrebbe, probabilmente, la necessità di maggior supporto da parte dei centrocampisti e degli esterni. Pericolini, sul fronte opposto, punge macinando chilometri sulla fascia e confeziona cross in quantità industriale. A ogni modo, passata indenne dalla buriana iniziale, l’Orvietana avanza il baricentro. Fatica, però, ad accorciare, favorendo il gioco di rimessa avversario. C’ è tanta gente con i piedi buoni per smistare palloni interessanti, uno fra questi è Pattarello che opera sul centro destra. Anche a sinistra non si scherza. Gaddini, dopo 25’, guadagna un angolo. Palla dalla bandierina e stacco perfetto di Risaliti, che insacca di testa all’altezza del secondo palo. Al 38’, servito da Bracaletti, Tomassini ha fra i piedi la palla del pareggio. Un difensore, in recupero, sporca la traiettoria e la sfera finisce fuori. Si va al riposo, dopo il 50’ iniziano i cambi. Dopo un’ora Pattarello è a un passo dal raddoppio. Che non fallisce Gaddini, un minuto dopo, con un destra a girare che infila la palla tra palo e portiere. Pattarello, poco dopo, segna un gran gol, annullato per fuori gioco. L’Arezzo ha pieno controllo della gara. Risaliti, colpevolmente solo in area, ha modo e tempo per siglare la personale doppietta. Convitto, da poco subentrato, costringe Rossi alla respinta con i piedi che favorisce il tap-in vincente di Forte.

Foto Orvietana Calcio

ALTRE NOTIZIE

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie B
14a di campionato, 26/11/2022
Pisa - Ternana 3 - 1
Eccellenza
14a di campionato, 27/11/2022
Lama - Narnese 2 - 1
Cannara - Olympia Thyrus 2 - 3
Promozione gir. B
13a di campionato, 27/11/2022
Todi - Amerina 2 - 1
Terni F.C. - Sporting Terni 4 - 0
San Venanzo - Vis Foligno 0 - 1
Real Avigliano - AMC 98 0 - 1
Clitunno - Guardea 1 - 1
Athletic Bastia - Campitello 1 - 2