DovrÓ aspettare fino al 1 luglio il Clt Volley per avere la certezza di disputare il campionato di Serie B. La federazione umbra non avrebbe diritto alla promozione diretta nella categoria superiore a causa del numero ristretto di squadre che hanno partecipato alla serie C: 15 anzichŔ 25. Quindi ci sarÓ da aspettare almeno fino al termine di giugno per capire come si andranno a delineare i vari gironi in vista dell'annunciata riforma dei campionati e soprattutto quali e quante societÓ saranno coinvolte. Accanto a Superlega e A2, infatti, dalla stagione 2019/2020 sarÓ introdotta anche la Serie A3 e necessariamente si dovrÓ ricorrere ai ripescaggi. Da un meccanismo che prevedeva fino a quest'anno Superlega, due gironi di A2 e poi la B, si passerÓ a Superlega, un girone di A2 e due gironi di A3 dove potrÓ giocare fino a un massimo di uno straniero. Questo meccanismo potrebbe solo che favorire il ripescaggio del Clt Volley, prima squadra ad avere diritto ad accedere alla B. Problema ben diverso quello legato all'utilizzo del PalaItis. Il prossimo 30 giugno scade infatti la convenzione per la gestione delle palestre scolastiche di proprietÓ della Provincia di Terni alle societÓ sportive, tra cui appunto il PalaItis utilizzato dal Clt per le partite di campionato. Al momento l'impianto non ha l'omologazione dei Vigili del Fuoco necessaria per motivi di sicurezza, ma la Provincia non ha i fondi necessari per i lavori di adeguamento. E quindi le palestre cittadine sono destinate a tornare in mano alle direzioni didattiche degli istituti per essere utilizzate solo ed esclusivamente durante l'orario scolastico.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
1a di campionato, 27/9/2020
Ternana - Viterbese 0 - 0