La prima campanella, per l’Orvietana 2019/20 è suonata ieri mattina. Da bravi scolaretti, vecchi e nuovi si sono subito messi a disposizione del prof., Silvano Fiorucci, che ha badato a smistare il traffico con fare consumato. La prima ora ha visto protagonista il magazziniere, Massimo Pace, con la consegna del materiale e tutte le raccomandazioni del caso, fatte da uno che dei giocatori conosce tutti i vizi o quasi. Di seguito, a rubare la scena è toccato al cuoco, Enzo Porcari, impegnato nella preparazione del primo pranzo della stagione. Alla cura del punto di ritrovo aveva già provveduto lo Zio, Elio Petrangeli, altro personaggio che incarna la storia biancorossa, mentre Luciano Fringuello svolgeva la funzione di ufficiale di collegamento tra lo staff tecnico e gli altri addetti ai lavori. Dopo pranzo ecco il primo briefing con l’allenatore, che ha presentato il suo aiuto, Gianfranco Ciccone, il preparatore atletico, Alessandro Santoro, quello dei portieri, Vasco Di Domenico (in attesa del rientro di Giacomo Massetti), prima di delucidare il gruppo sulle regole e i comportamenti sui quali si baseranno i circa dieci mesi di vita in comune. Finalmente, a metà pomeriggio, tutti in campo per la somministrazione dei primi test, la cui conclusione è prevista per mercoledì. Fiorucci ha preferito osservare, lasciando a Ciccone gestire la seduta, mentre i giocatori, divisi in gruppi omogenei, si alternavano a disposizione del preparatore e Di Domenico eseguiva i primi controlli alle saracinesche biancorosse.

Da segnalare l’ultimo arrivo, anche se manca qualche dettaglio, di Keita Aboubakar, diciassettenne originario della Guinea francese, messosi in luce nella juniores della Romeo Menti e già impiegato da Samuele Baldini in prima squadra. Azzardando una prima sintesi, la sensazione è buona, con vecchi e nuovi già bene integrati. Ne chiediamo conferma a Severino Capretti, il nuovo direttore sportivo che ha avuto un ruolo molto importante nel rinnovamento:

”I ragazzi, per esperienze professionali precedenti, li conosco quasi tutti. Posso assicurarti come siano giocatori di quelli che mettono al primo posto il piacere di giocare al calcio e che nessuno di loro si considera una prima donna e meno un fenomeno. Hanno tutti risposto con entusiasmo alla nostra chiamata, fatto, dal mio punto di vista, già positivo. Abbiamo cercato di costruire una squadra che faccia divertire, come chiesto dal Presidente, e lasciami dire che, se riusciremo nell’intento, i risultati non mancheranno. Chiaramente, chiediamo agli sportivi orvietani di sostenerci e seguirci. Sappiamo che il pubblico orvietano è molto esigente e, nei limiti del possibile, faremo di tutto per accontentarlo”.

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Eccellenza
Squadra Pt G
Narnese 0 0
Orvietana 0 0
Angelana 0 0
Assisi Subasio 0 0
Castel del Piano 0 0
Ducato 0 0
Ellera 0 0
Gualdo Casac. 0 0
Lama 0 0
Nestor 0 0
Pontevalleceppi 0 0
San Sisto 0 0
Sansepolcro 0 0
Spoleto 0 0
Tiferno 0 0
Trasimeno 0 0

ULTIME GARE DISPUTATE