Davide Beccaceci, ragazzo romano che ha egregiamente difeso la rete dell’Orvietana nell’ultimo campionato, ci ha inviato lo scritto pubblicato qui sotto. Nel quale si scopre, come il portiere estroverso e un po’ bizzarro, incarna virtù che vanno ben oltre il valore nel salvare un risultato all’ultimo secondo di gioco. Le parole sono semplici, comprensibili e ti rimangono nel profondo, confermando come, il più delle volte, non bastano la pomposità e l’estrema ricerca del difficile a interpretare la grandezza reale del personaggio. Grazie Davide per portarci avanti con espressioni che vanno all’indietro, ma che fanno crescere la stima nei tuoi riguardi. E buona serie D, una volta confermate le voci che ti vedono lanciato il grande salto.

Salve Roberto, mi permetto scriverti questa riflessione, sperando giunga a qualcuno dell'Amministrazione locale.
Quest'anno ho avuto il privilegio di difendere la Storica porta dell'Orvietana.
Ero fra i più giovani del gruppo e, per il ruolo di portiere, di tutta l’Eccellenza Umbra.
Sono stato il primo "acquisto" del direttore sportivo, Severino Capretti che mi convinse a lasciare il Lazio. E’ stato sufficiente conoscere mister Fiorucci e il Presidente Biagioli, unitamente a tutte le persone che curano la struttura con grande professionalità e seguono la squadra, sposando il progetto e le ambizioni dell’Orvietana, per affezionarmi, sia a loro che alla vostra Città. Come sia andata oramai è storia, con il rammarico per un paio di pareggi, quando avremmo meritato la vittoria, e la quasi certezza che, se il campionato fosse finito regolarmente ora staremmo festeggiando anche noi.

Ciò che mi appare strano è il perché una Società sportiva con 110 anni di storia, in una città, indubbiamente importante come Orvieto non sia supportata e incentivata a crescere e puntare sempre più in alto dalla locale Amministrazione e dagli stessi cittadini. Quest'anno, dal mio modesto punto di vista, la squadra costruita ha dato prova d’essere ottima e competitiva. Non era provvista di un budget stratosferico, ma la base era ottima e non avrebbe sfigurato neanche in D.
Peccato ascoltare le parole di un presidente demoralizzato, vedere un mister e un direttore sportivo andarsene. La vita è fatta anche di sogni e ambizioni, che rappresenterebbero un vanto in più per questa splendida città.
A Roma, si dice:
"Chi c'ha er pane, nun c'ha li denti e chi c'ha li denti nun c'ha er pane".
Spero che, chi può, se ne accorga presto.

Per me, ad ogni modo, quello trascorso a Orvieto rimarrà un anno da ricordare per esperienze e conoscenze professionali.
Ringrazio chi mi ha sostenuto e "sopportato", iniziando dal Presidente, Roberto Biagioli, i Mister Fiorucci e Ciccone, i preparatori dei portieri, Vasco Di Domenico e Giacomo Massetti, il preparatore atletico, Jacopo Cappelletti, e tutti quelli che lavorano nel backstage. Un abbraccio a Irene Biancarini e al Ds. Capretti che, più di ogni altro, mi ha voluto qui.
Spero di aver lasciato un buon ricordo.
Grazie e Arrivederci
Davide Beccaceci

ALTRE NOTIZIE

CERCA NEL SITO

Eccellenza
Squadra Pt G
Tiferno 44 23
Spoleto 41 23
Narnese 38 23
Orvietana 37 23
Nestor 37 23
Trasimeno 35 23
Sansepolcro 35 23
Pontevalleceppi 33 23
Lama 32 23
San Sisto 29 23
Castel del Piano 29 23
Assisi Subasio 28 23
Ducato 27 23
Angelana 26 23
Gualdo Casac. 14 23
Ellera 11 23

ULTIME GARE DISPUTATE