Si è aperta nel ricordo di Eunice Kennedy, fondatrice di Special Olympics nel 1968, la seconda Convention Regionale Special Olympics Team Umbria che ha voluto celebrare i Giochi Nazionali Estivi di Terni e Narni dello scorso maggio.

Ma è stato anche il modo di celebrare i cinquant'anni di Special Olympics nel corso dei quali è cambiato il modo di vedere la disabilità. "Dall'immaginazione all'inclusione attraverso l'integrazione" come ha ricordato dal palco Gianluca Nasi, voce dei recenti Giochi Estivi e del Torch Run che ha toccato tutta l'Umbria prima dell'accensione del braciere olimpico in Piazza della Repubblica.

Anche nella tensostruttura del CLT la torcia forgiata da Acciai Speciali Terni per i Giochi, 1140 grammi di acciaio lucidati con il cuore, ha fatto il suo ingresso portata da Luca, ultimo tedoforo dei Giochi Estivi, e da Tommaso Moroni della Ternana Marathon.



Sul palco si sono alternati i team regionali che hanno preso parte ai Giochi. Gli atleti con disabilità dei Team di Foligno, Spoleto, Gualdo Tadino, Assisi e naturalmente il Team Tuttingioco di Terni hanno portato il loro ricordo commuovendo la platea e le autorità presenti.



Il padrone di casa Giovanni Scordo ha ringraziato Special Olympics per aver permesso "di festeggiare in modo veramente speciale i 90 anni del CLT". Il vicepresidente della Giunta Regionale dell'Umbria Fabio Paparelli ha ammesso: "Ero un po' spaventato all'inizio di questa avventura, ma ce l'abbiamo fatta e abbiamo fatto vivere un sogno alla città". Poi lancia l'ennesima suggestiva sfida: "Sarebbe bello ospitare in Umbria i Giochi Mondiali 2023" e chissà che non venga raccolta.



Caratteristica di Special Olympics, ha ricordato Fabio Casali presidente del COL dei Giochi di Terni-Narni e referente regionale Special Olympics, quella di "oltrepassare la concezione di assistenza per andare verso quella di autonomia che lo sport riesce così bene a favorire". Il vicepresidente nazionale Federico Vicentini ha ricordato che "partendo da zero, siamo stati tutti protagonisti di uno splendido successo".



Protagonisti soprattutto loro, gli atleti. E le loro famiglie. Come quella di Marta Mei, atleta Special Olympics del Team Tuttingioco di Terni, sul palco insieme alla sorella Susanna che dice: "Avere una sorella come Marta è la cosa più bella e normale del mondo". O come Caterina atleta Special Olympics del Team di Spoleto che fatica a trattenere la commozione: "Il Torch Run è stato il momento più bello della mia vita con tutta quella gente che era lì per noi. Nessuno è diverso".



Ma protagonisti dello straordinario successo dei Giochi Estivi di Terni e Narni sono stati anche e soprattutto volontari e tecnici. Come Luca che ringraziando gli atleti ha chiosato: "Noi insegniamo a loro lo sport, ma loro insegnano a noi la vita". Special Olympics non si ferma. Appena una settimana e partiranno i Giochi Invernali di Bardonecchia, verso l'appuntamento clou dell'anno che saranno nel mese di luglio i Mondiali Estivi di Chicago, a 50 anni di distanza dalla prima edizione dei Giochi che Eunice Kennedy volle proprio nella capitale dell'Illinois.

foto di Liviana Lattanzi

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Eccellenza
2a di campionato, 16/9/2018
Spoleto - Orvietana 2 - 0
San Sisto - Narnese 0 - 0
Promozione gir. B
2a di campionato, 16/9/2018
Terni Est Soccer School - Giove 0 - 1
San Venanzo - Sporting Pila 3 - 2
Olympia Thyrus - Montefranco 0 - 0
Montecastello Vibio - Campitello 0 - 1
Julia Spello Torre - Amerina 0 - 0
AMC 98 - Petrignano 1 - 0