Ventisette nazioni (compresa l'Italia) per un totale di circa 300 atleti che si sfideranno nello splendido scenario del Lago di Piediluco. Grandi numeri e tanto spettacolo per la 32° edizione del Memorial Internazionale Paolo d'Aloja presentato questa mattina presso la Fondazione Carit. Alla conferenza stampa di presentazione anche il Commissario Prefettizio del Comune di Terni, Antonino Cufalo che fa sfoggio anche di una certa ironia: " Si parla di me solo per le tasse che aumento, ma questi eventi confermano valori di amicizia e sport. Auguri agli Azzurri impegnati nelle gare".



Numeri in crescita rispetto alle 23 nazioni presenti lo scorso anno, un plotone di nazioni che arriveranno a Piediluco per la consueta kermesse tradizionale dedicata alla memoria di colui che fu presidente federale fino al 1984. "Una storia iniziata da un grande uomo e pensatore che immaginava un canottaggio diverso e contribuì attraverso lo sport a riscoprire un territorio straordinario - ricorda Dario Grozzoli, consigliere della FIC che porta il saluto del Presidente Abbagnale - siamo pieni di entusiasmo, un entusiasmo condiviso con tutta la città di Terni".



Aumenta il numero di nazioni presenti grazie al lavoro di promozione della FIC iniziato a gennaio dello scorso anno a testimonianza del legame che la Federazione vuole mantenere con il Lago per riportarlo agli antichi splendori degli anni 80 quando Piediluco fu sede del Mondiale Junior. A confermarlo anche il Presidente della Fondazione Carit, Luigi Carlini: "Il Lago si appresta a tornare ai fasti di un tempo". Inevitabile toccare il tema della riqualificazione del Lago, anche alla luce dell'annosa querelle tra Federazione e Comune: "Per la riqualificazione del campo di gara siamo in fase preliminare, sarà argomento dei prossimi periodi" dice Salvatore Mastro della FIC Umbria. Il Segretario Generale della FIC Maurizio Leone assicura tempi più brevi: "Siamo nella fase conclusiva, ci teniamo in contatto con gli uffici tecnici del Comune. La fase di valutazione del progetto esecutivo è conclusa e il prossimo consiglio federale voterà i finanziamenti. Pochi mesi e i lavori partiranno". Aggiunge il Consigliere Grozzoli sui rapporti tra Federazione e istituzioni: "E' stata sempre una battaglia, rispettosa e corretta ma pur sempre una battaglia. Sono sorte perplessità in Consiglio Federale ma la volontà è comune. Guai non risolvere questi problemi".



A fare il punto sul lato tecnico della competizione il Direttore Tecnico della Nazionale Francesco Cattaneo: "Arriveremo in buono stato di forma, non ottimale ovviamente perché la preparazione dovrà avere il suo picco a settembre. Lituania, Ucraina e Spagna le altre nazionali più competitive. Mancherà il due senza campione del mondo 2017 perchè Vecino si è operato a un'ernia alla colonna vertebrale e Lodo è alle prese con un infortunio. Ci stiamo attrezzando, ma sostituire due campioni del mondo non è semplice e i giovani vanno aspettati. Se mi preoccupa la sconfitta del 4 senza vicecampione del mondo battuto dalla Romania che non arrivò nemmeno in finale? No, i tifosi non si devono preoccupare. Non veniamo da un gran periodo, ma posso assicurare che anche lo scorso anno lo stesso equipaggio fu battuto dalla Romania. Siamo in linea con aspettative".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE