Il governo ha pubblicato il nuovo protocollo attuativo che riprende le linee guida per l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere dopo il Dpcm del 17 maggio 2020, aggiornandone alcuni elementi, sulla base dei più recenti provvedimenti emanati in tema di contenimento degli effetti della pandemia da Covid-19, con particolare riferimento al DPCM 18 ottobre 2020.

Più controllo ai gestori e responsabilità agli sportivi. E' quanto richiesto dal protocollo per assicurare la prosecuzione delle attività sportive e dell’esercizio fisico alle quali devono attenersi tutti i soggetti che gestiscono, a qualsiasi titolo, siti sportivi, centri di attività motoria, palestre, piscine, o i soggetti che comunque ne abbiano la responsabilità. Il protocollo demanda al datore di lavoro, gestore del sito sportivo o rappresentante dell’organizzazione sportiva di organizzare turni adatti a rispettare le norme generali del distanziamento sociale e suggerisce "l’utilizzo di soluzioni tecnologiche che consentano la possibilità di tracciare l’accesso alle strutture, per il tramite di applicativi web, o applicazioni per device mobili, di coloro che partecipano alle attività sportive proposte". Multe da 280 a 500 euro per i frequentatori che contravverranno alle prescrizioni.

Clicca qui per scaricare il documento

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
13a di campionato, 28/11/2020
Vibonese - Ternana 2 - 3