Ternana a porte chiuse, Ascoli in ritiro in località top secret. La sfida salvezza è un rebus che verrà sciolto soltanto domani alle ore 14 al fischio d'inizio allo stadio Liberati. Sorensen e Favilli sono tutti e due convocati, disponibili dal primo minuto. Breda ammette di avere due dubbi di formazione. Ma la prima domanda è sul controverso gol fantasma prima dato e poi tolto a Luperini a Brescia.

Siamo più maturi, cattivi e smaliziati? "Non credo che i rigori vengano dati o no perchè uno si lamenta di più o di meno. Possono esserci degli errori, ma condizionare è difficile. L'Ascoli è una squadra esperta e in certe situazioni ha anche questo tipo di letture. Bisogna stare attenti anche a questo. Ha un modo di stare in campo sempre attento dal punto di vista tattico".

Un atteggiamento attendista all'inizio o da subito offensivo? "Abbiamo provato entrambe le cose, difficile a priori dire quello che servirà. Bisognerà avere capacità di letture sia in fase di possesso che non possesso. A chi serve di più o di meno? Non lo so, mancano quattro partite e anche tante altre squadre oltre a noi e all'Ascoli sono coinvolte. Chiaro che ha un peso importante questa partita. A prescindere dal risultato finale, non sarà comunque definito niente".

Tra le ultime quattro rimaste, questa contro l'Ascoli è la più difficile? "Al momento è la più difficile per tanti motivi: per come è sentita dalla piazza, il coinvolgimento in classifica delle due squadre e per caratteristiche di gioco dell'Ascoli. La nostra interpretazione deve essere importante dal punto di vista tecnico, teattico, atletico durante tutti i suoi momenti. Ma sarà difficile anche per loro".

La tifoseria si sta organizzando per colorare il Liberati: "Ci giochiamo tanto e sentiamo l'affetto della gente. C'è una bella unità di intenti che questi 4 punti nelle ultime due trasferte ha alimentato ma devo dire che c'è sempre stata. Mi è piaciuto come ci hanno accolto non adesso che è facile, ma quando siamo andati sotto le curve dopo Modena. Poteva essere un momento di difficoltà invece ci hanno dato tanta forza. Anche per la città vogliamo far bene".

Dopo l'infortunio di Capuano, trovata la soluzione? "E' sempre la partita ci dà il responso, ma il gruppo è fantastico: chi gioca dall'inizio, chi entra, chi si adatta fuori ruolo. Il valore dell'Ascoli fuori casa è importante".

Sfida da ex anche per Breda: "E' da un po' che giro ormai, ad Ascoli sono stato accolto bene e abbiamo fatto un anno importante. Ma guardiamo il presente che è talmente importante che servono pochi giri di parole. Sappiamo quanto pesano questi punti. Nessun ego personale va oltre ai punti che dobbiamo fare".

L'Ascoli viene da tre 0-0 consecutivi ed ha un buon rendimento difensivo: "La compattezza difensiva è il loro punto di forza, in tutte le fasi l'Ascoli ha sempre dimostrato solidità. Hanno fatto risultato a Como e a Parma, è una squadra che richiede molta attenzione ma anche molta pazienza nell'attaccare e fare il tuo gioco. Però se sta lì in classifica vuol dire che ha qualche problema. E noi dovremo spingere e far male".

Ascoli e Bari sono le squadre che commettono più falli, questo aspetto influenzerà il piano tattico: "Non posso snaturare il nostro dna, loro sono una squadra molto fisica ma noi non possiamo diventare qualcosa di diverso da quello che siamo. Vanno preso accorgimenti, certo, ma l'importante è la capacità di cambiare e avere alternative tattiche".

Le squadre sono cambiate molto rispetto alla gara di andata, Dionisi un ex importante che c'era all'andata e sbagliò un rigore: "Sta bene e ha dimostrato anche a Brescia di essere un giocatore su cui contare. La sua esperienza è un valore aggiunto".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie B
Squadra Pt G
Parma 76 38
Como 73 38
Venezia 70 38
Cremonese 67 38
Catanzaro 60 38
Palermo 56 38
Sampdoria 55 38
Brescia 51 38
Cosenza 47 38
Sudtirol 47 38
Modena 47 38
Reggiana 47 38
Pisa 46 38
Cittadella 46 38
Spezia 44 38
Ternana 43 38
Ascoli 41 38
Bari 41 38
Feralpisalò 33 38
Lecco 26 38

ULTIME GARE DISPUTATE