Da sempre, quello di Serie C è considerato uno dei campionati più affascinanti di tutto il panorama calcistico italiano ma, se possibile, l’attesa e l’interesse nei confronti della nuova Serie C quest'anno sono state ancora maggiori rispetto al passato. Per la prima volta dopo anni, nessuna società si è presentata ai nastri di partenza della nuova stagione con pesanti penalizzazioni in classifica ed a giovarne sono stati sin da subito l’equilibrio e lo spettacolo. Nel girone C, dopo otto giornate, la Ternana guida la classifica con ben 19 punti , frutto di sei vittorie, un pareggio ed una sola sconfitta, e si gode la vetta solitaria con poche lunghezze di vantaggio sulle sorprese Potenza, Reggina e Catanzaro.



Bari e Catania: le favorite per la promozione diretta

Come di consueto, anche quest’anno la Serie C è suddivisa in tre gironi e, come di consueto, quello centro-meridionale sembra essere il girone più difficile in assoluto. Dopo il fallimento di due stagioni fa e la promozione dalla Serie D ottenuta l'anno scorso, alla vigilia del campionato il Bari era considerato da tutti gli addetti ai lavori come la squadra favorita per la vittoria finale. In sede di calciomercato, il presidente De Laurentiis, aiutato anche dal ricco contratto di sponsorizzazione sottoscritto con Kappa, aveva deciso di investire senza badare a spese e, dopo essersi garantito le prestazioni di un mister esperto come Vincenzo Vivarini, era riuscito a portare in Puglia giocatori di livello superiore, tra cui emergono i nomi del bomber Mirco Antenucci, reduce da tre stagioni alle Spal, nonché quelli di Sabbione, Scavone, Frattali e Schiavone. Sebbene la rosa dei biancorossi sia composta per la stragrande maggioranza da calciatori che vantano un passato importante tra Serie B e Serie A, in queste prime giornate i galletti hanno faticato e non poco ad ingranare la marcia giusta ed in classifica si trovano a ben quattro lunghezze di distanza dalla Ternana capolista. I puglesi, ad ogni modo, al 9 di ottobre, secondo le scommesse calcio a quota 1,70, sono ancora i favoriti indiscussi per la promozione in Serie B, anche se i ragazzi di Vivarini saranno costretti a calarsi quanto prima nel nuovo contesto e dovranno immediatamente dare continuità ai propri risultati. Anche l’altra favorita della vigilia, il Catania, non se la sta passando benissimo ed è reduce da due sconfitte esterne consecutive, contro la Reggina per 1-0 e contro la Ternana per 3-2. Eppure, la campagna acquisti condotta dal presidente Pulvirenti aveva fatto ben sperare gli etnei che, dopo gli arrivi di Mazzarani e Dall’Oglio, erano convinti di avere a propria disposizione una rosa in grado di puntare alla promozione diretta.



Reggina, Catanzaro e Ternana: le possibili outsider

Sin da prima dell’inizio del campionato, gli addetti ai lavori avevano individuato in Catanzaro, Reggina e Ternana alcune delle possibili rivelazioni di questa stagione e, dopo otto gare, possiamo ufficialmente affermare che tali pronostici erano esatti. La Reggina di mister Toscano, dopo anni complicati sotto la gestione Foti, sembra aver finalmente risolto i propri problemi economici ed ha saputo allestire una squadra estremamente interessante, giusto mix di giovani interessanti e giocatori di grande esperienza. Se è vero che il reparto d’attacco, composto dai vecchi volponi Reginaldo e Denis, garantisce ai calabresi una quantità di reti notevole, è altrettanto vero che gli amaranto vantano anche un centrocampo ed una difesa di tutto rispetto che, ad oggi, ha permesso loro di subire solo cinque reti. A pochi chilometri di distanza da Reggio Calabria, troviamo un’altra squadra che sta ben figurando e che sta dimostrando di poter dire la sua in ottica promozione: stiamo parlando del Catanzaro del presidente Noto e di mister Auteri che, grazie ad un gioco spumeggiante, si gode il secondo posto a quota 16 punti. Dopo aver compiuto degli autentici miracoli sulle panchine di Matera, Benevento e Nocerina, Auteri sogna di conquistare la Serie B anche con i giallorossi che, dal canto loro, non riescono a raggiungere la cadetteria dal lontano 2006. Dopo aver parlato di Reggina e Catanzaro, appare doveroso soffermarsi sui risultati che sta riuscendo ad ottenere la Ternana. In estate aveva destato scalpore la notizia, riportata anche da Calcio e Finanza, che aveva visto la sottoscrizione di ben 12 mila abbonamenti da parte dei tifosi umbri. Ciò era avvenuto sia per l’amore viscerale che il popolo ternano prova nei confronti della propria squadra, sia grazie all’iniziativa del presidente Bandinelli, a cui va riconosciuto l'indubbio merito di aver fissato il prezzo dei tagliandi stagionali a cifre irrisorie. La fiducia dei tifosi, ad ogni buon conto, è stata immediatamente ripagata dai ragazzi di mister Gallo che hanno impressionato e non poco per la qualità del proprio calcio, meritandosi ampiamente il primo posto solitario in classifica.

La stagione è ancora lunga, ma la sensazione è che questo campionato di Serie C sarà molto più equilibrato rispetto alle previsioni: nessuna squadra è in grado di “ammazzare” il campionato ed ogni partita è aperta ad ogni possibile risultato. Dopo otto giornate, “le Fere” si godono la prima posizione solitaria in classifica ed i tifosi rosso verdi sperano che questa possano essere la volta buona per il ritorno in Serie B.

ALTRE NOTIZIE

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
15a di campionato, 17/11/2019
Teramo - Ternana 1 - 1
Eccellenza
11a di campionato, 17/11/2019
Spoleto - Narnese 1 - 3
Orvietana - Gualdo Casac. 2 - 1
Promozione gir. B
11a di campionato, 17/11/2019
Viole - Amerina 2 - 1
Romeo Menti - Petrignano 3 - 0
Montefranco - AMC 98 0 - 2
Massa Martana - Olympia Thyrus 1 - 1
Giove - Julia Spello 3 - 0
Campitello - Vis Foligno 1 - 1
Athletic Bastia - San Venanzo 0 - 2