Avendo sufficiente cognizione sul percorso sportivo, oltre che professionale del Presidente dell’Orvietana Calcio, Roberto Biagioli, si può affermare come, l’accaduto di ieri, culminato con la chiusura del rapporto con Giuliano Cioci (nella foto), rappresenti un segnale importante per il presente e l’immediato futuro della Società biancorossa. Dispiace per il bomber, che ha dato, come pure ricevuto tanto dal club biancorosso, comunque subito pronto a ringraziare dell’opportunità avuta per la sua crescita professionale. Giuliano è stato e resta l’eterno ragazzo, schietto dentro, che prima o poi potremmo ritrovare in ambito biancorosso.
Il Presidente, da buon capitano d’Azienda, all’inizio della stagione aveva ritenuto giusto assegnare deleghe per i diversi compiti che danno ossigeno all’Impresa sportiva, non avendo possibilità materiale di seguire tutto direttamente.
“Sono soltanto le dieci di mattina e i miei due telefonini sono entrambi scarichi. Difficile da credere, ma, la maggior parte dei contatti hanno avuto quale riferimento l’Orvietana. Non è più possibile che il Presidente sia chiamato a rispondere su problematiche che dovrebbero riguardare le competenze dei ruoli assegnati. Qualcosa non sta funzionando come avrei immaginato. Il riferimento è generale e abbraccia tutta la parte operativa, da quelli che dirigono ai giocatori che vanno in campo”.
Tiene a sottolineare che la sua intolleranza parte da più lontano e non è dovuta esclusivamente al risultato di ieri: “ Nel quale sono intervenuti fattori estremi, difficilmente riscontrabili tutti in una volta”.
Complessivamente, ha visto una squadra in crescita: “Sento che abbiamo preso la strada giusta. Rimane da sistemare qualcosa, però, prima di procedere con altri provvedimenti, aspetto una reazione positiva a cominciare dalla prossima partita”.

Il ruolo che ricopre, Direttore Generale, impone quasi, ad Alvaro Arcipreti, intervenire in merito alla decisione di risolvere la collaborazione con Giuliano Cioci:
“Premesso che, le decisioni prese dal Presidente, vanno sempre e comunque rispettate come vuole il suo ruolo, voglio ringraziarlo per la possibilità datami di effettuare gli ultimi tre acquisti, portando a Orvieto giocatori che permetteranno a Ciccone di realizzare il suo progetto. Ci tenevo a dirlo, quale primo responsabile della campagna acquisti dell’Orvietana. Nella quale, ho lavorato, sempre, in sinergia con l’allenatore, cercando d’andare incontro alle sue necessità. Rimango il primo garante per quanto fatto, ripeto, in piena collaborazione con Gianfranco e con l’aiuto di Giuliano Cioci. Persona che conosco da anni, con la quale ho condiviso altre esperienze per poterne apprezzare le qualità umane e tecnico sportive. Sa di calcio come pochi, è figura leale, fidata e stimata da tutti quelli cui piace questo sport e posso anche garantire, non avrebbe mai commesso alcun atto che potesse compromettere le attività della prima squadra. Per queste ragioni, confermo che Giuliano non ha alcuna responsabilità personale sulle scelte effettuate, delle quali, ripeto d’essere il primo responsabile, solidalmente con il tecnico.

ALTRE NOTIZIE

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie B
7a di campionato, 1/10/2022
Cittadella - Ternana 0 - 2
Eccellenza
5a di campionato, 2/10/2022
Sansepolcro - Narnese 3 - 3
Foligno Calcio - Olympia Thyrus 0 - 0
Promozione gir. B
4a di campionato, 2/10/2022
Vis Foligno - Amerina 2 - 1
Terni F.C. - Athletic Bastia 3 - 0
Spoleto - Guardea 1 - 0
San Venanzo - Real Avigliano 0 - 0
Ducato Spoleto - AMC 98 2 - 3
Bastia - Campitello 1 - 1
Sporting Terni - Bastia 1 - 0