Non c'è soltanto Cristiano Lucarelli nella conferenza stampa che precede la partita casalinga con la Reggiana (sabato 30 settembre ore 16.15). A fianco del mister siede anche il direttore sportivo Stefano Capozucca a voler sottolineare e ribadire ancora una volta la fiducia all'allenatore nonostante la striscia negativa di questo inizio campionato.

"Lucarelli non ha bisogno della balia - esordisce Capozucca - ma siccome stanno mancando i risultati la mia presenza qui è per ribadire che le responsabilità non sono soltanto dell'allenatore. La squadra ha dimostrato organizzazione, ha fatto partite di buon livello ad esclusione forse della prima con la Sampdoria. La classifica dice che abbiamo 2 punti, mi sembrava giusto essere presente qua con Lucarelli. Quando le cose vanno bene è facile metterci la faccia, ma bisogna farlo anche quando vanno meno bene. Perchè questa squadra che allena Lucarelli l'ho costruita io".

Poi tocca al mister: "Giocheremo con lo spirito che avete visto in queste partite. La squadra viene organizzata con la voglia di fare il risultato, quando dico che non va guardata la classifica mi danno ascolto. Ci vuole un pizzico di cattiveria in più, con quella avremmo qualche punto in più in classifica. Domani dobbiamo rispondere presenti. Con la cattiveria non avremmo subito gol in alcune partite e magari ne avremmo fatti in più. Dobbiamo fare uno step successivo in questo aspetto".

Ad Ascoli la squadra si è scoraggiata dopo il gol annullato? "No, anzi abbiamo cercato di andare in vantaggio - prosegue Lucarelli - dopo il rigore sbagliato ci abbiamo provato. Abbiamo subito il rigore contro ma abbiamo continuato ad attaccare e segnato di nuovo. Ci è stato tolto. Dopo il 2-0 è fisiologico. Sono stati molto bravi i giocatori dell'Ascoli a gestire la partita come andrebbe gestita quando si è avanti".

Inevitabile parlare degli episodi arbitrale che anche ad Ascoli non hanno sorriso alla Ternana: "Con l'ingresso del Var c'è l'ingresso della supercazzola. Quando Lapenna è venuto all'incontro con gli arbitri ha detto che quando la palla cambia direzione non è mai fallo, due giorni dopo il rigore con il Sudtirol lo avete visto tutti. "Se il pallone va nella parte opposta non è calcio di rigore" ci avevano spiegato. E invece poi è successo quello che è successo. Nel calcio ci sono 17 regole, ma adesso si fa fatica a stare al passo con le continue evoluzioni nelle interpretazioni di fuorigioco e quant'altro. A volte non si protesta per ignoranza".

Sul rigore provocato da Dionisi: "Ci hanno sempre detto che se la palla sbatte sulla coscia e poi sul braccio è rigore, anche se a Perugia non ce lo concessero. Ma è cambiata l'interpretazione. Perchè l'arbitro non sia andato a rivedere il rigore dato al Sudtirol non lo capisco. Il gol annullato a Raimondo ad Ascoli perchè Luperini non è in fuorigioco, anche se non partecipa all'azione ma comunque è coinvolto. Mentre noi siamo ancora in campo per tutte le attese del Var gli altri sono già sul pullman. Dico solo che questo è il modo per allontanare la gente dal calcio".

Però una cosa Lucarelli la vuole puntualizzare: "La squadra non viene condizionata dagli errori arbitrali, i ragazzi accettano con calma olimpica le decisioni su cui non siamo d'accordo".

In panchina sarà scontro tra Nesta e Lucarelli: "Che cosa mi aspetto? Di vincere".

Indisponibili? "Viviani e Mantovani sono da valutare perchè sono usciti acciaccati dalla partita con l'Ascoli".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.B
Squadra Pt G
Ternana 0 0
Arezzo 0 0
Ascoli 0 0
Campobasso 0 0
Carpi 0 0
Gubbio 0 0
Legnago Salus 0 0
Lucchese 0 0
Milan Futuro 0 0
Perugia 0 0
Pescara 0 0
Pianese 0 0
Pineto 0 0
Pontedera 0 0
Rimini 0 0
Sestri Levante 0 0
Spal 0 0
Torres 0 0
V. Entella 0 0
Vis Pesaro 0 0

ULTIME GARE DISPUTATE