Al terzo tentativo arrivano i primi 3 punti iridati per Danilo Petrucci, che ha chiuso in 13ma posizione il Gran Premio del Portogallo. Il ternano, partito dalla casella numero 18, ha perso in avvio due posizioni per poi chiudere 19° al primo giro. E' risalito in 17ma posizione superando prima il compagno di scuderia Lecuona e poi Pol Espargaro. A dieci giri dalla fine era 14° grazie alle cadute di Miller, Oliveira e Valentino Rossi. Posizione poi persa subito per il sorpasso ad opera di Vinales. Grazie alle cadute di Rins e di Zarco si è preso il 13° posto ed è arrivato molto vicino a Luca Marini che alla fine lo ha preceduto di 1 decimo e 76. La gara è stata vinta da Fabio Quartararo (Yamaha) con il podio completato da Bagnaia (Ducati) e Mir (Suzuki), quarto Morbidelli (Petronas Yamaha) e quinto Binder con la KTM ufficiale.
Prossimo appuntamento: il 2 maggio in Spagna, a Jerez de la Frontera.

Il commento di Petrux: "Sicuramente stiamo soffrendo e dobbiamo lavorare tanto. Non sono ancora al massimo del potenziale, anche qui però abbiamo scoperto alcune cose che riguardano la moto. Di sicuro non sono soddisfatto della mia posizione avrei voluto essere più vicino a Brad (Binder n.d.r.). Devo migliorare in qualifica e partire più avanti per non perdere tutto questo tempo ad inizio gara. Però c'è qualcosa che dobbiamo cambiare perché gli altri sono andati davvero avanti. Soprattutto siamo gli unici che hanno bisogno di gomme più dure davanti. Alla fine non ho potuto passare Marini e non siamo ancora al meglio, c’è necessità di migliorare il nostro setup. Ma almeno abbiamo ottenuto alcuni punti e ringrazio tutti i componenti del team, perché stanno facendo un grande lavoro".

Foto di Alex Farinelli

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
38a di campionato, 2/5/2021
Ternana - Juve Stabia 3 - 4