E pensare che aveva detto di non essere convinto di prendere il via, ma Danilo Petrucci non ha voluto mancare l'appuntamento di Misano e con i suoi tifosi. Il ternano, dopo aver conquistato il 9 posto nella Superpole Race che gli ha consentito di partire in terza fila, ha fatto una grande corsa chiudendo Gara2 al 6 posto, primo degli indipendenti dietro alla BMW di Razgatlioglu (tris di vittorie nel week end in Romagna), le Ducati di Bulega e Bautista, la Kawasaki di Lowes e la Yamaha di Locatelli.

Ottima la partenza di Petrux che ha guadagnato subito due posizioni. Un 7 posto difeso con i denti, poi il 6 posto con il sorpasso a Iannone. Posizione persa ad opera di Bassani su Kawasaki. Ma il ternano ha tenuto duro e a pochi giri dalla fine si ripreso, con un bel sorpasso, la sesta piazza. Nella classifica iridata resta al nono posto ma si avvicinato a un solo punto da Van der Mark e a sette da Gardner.

Dopo la festa dei suoi tifosi e non solo al termine di Gara1, oggi si goduto la premiazione al parco chiuso come primo dei piloti con moto non ufficiale. "Mi viene da piangere, ma non so se pi per la commozione o per il dolore. Ringrazio tutti per l'affetto dimostratomi".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE