Alla vigilia della prima gara del Motomondiale 2022 in Qatar la ricorrenza della scomparsa del campione ternano Libero Liberati. Erano le 13.40 di quel maledetto 5 marzo 1962 quando il Campione del Mondo della classe 500 perse la vita nell'incidente alla curva di Cervara, sulla statale Valnerina.

Il Cavaliere d'Acciaio aveva 36 anni ed era considerato ancora il pilota italiano pių forte della 500, fra i big mondiali, pronto a rinverdire i fasti del 1957, certo del ritorno alle corse della Gilera - lo ricorda cosė oggi la Gazzetta dello Sport in un articolo di Massimo Falcioni - Libero lasciava un grande vuoto come uomo e come pilota. Amava la sua Terni e i suoi concittadini che, con i dipendenti dell'Acciaieria in testa, avevano fatto una colletta per comprargli una Guzzi Dondolino, la prima moto da corsa con cui si era messo in evidenza a livello nazionale, tra i seniores...

ALTRE NOTIZIE

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE