Conferenza stampa alla vigilia della partita in trasferta ad Avellino con la Casertana, per il tecnico Cristiano Lucarelli (nella foto di Stefano Principi) ci sono dei cambi forzati rispetto alla formazione che ha affrontato mercoledì scorso il Palermo.

"Defendi è indisponibile e non sarà convocato, mentre Suagher ha un piccolo problema e devo valutare se rischiarlo o meno. Salzano e Ferrante verranno con noi ad Avellino. Onesti non può rientrare perché è in isolamento domiciliare causa positività dei tre ragazzi della Berretti".

"Si lavora per portare tutti al 100 per la condizione fisica, ma anche per la qualità tattica. Ci potrebbe essere un turn over bilanciato, in difesa forzato con due cambi certi. Per il centrale valutazioni che stiamo facendo, sì potrebbe giocare Boben o l'arretramento di Kontek".

"Non abbiamo un difensore dai piedi buoni? Mi preoccupo dell'essenza del ruolo: il difensore deve difendere, l'attaccante deve far gol, il centrocampista deve fare tutti e due, il portiere deve parare. Dobbiamo verticalizzare prima possibile, non dobbiamo fare il tiki taka. Possesso palla fine a se stesso non mi interessa. Avere un palleggiatore dal basso è un problema un po' di tutti. Il nostro gioco inizia dagli esterni quindi questa non è una cosa che mi toglie il sonno. Se devo avere un difensore che è bravo a fare il passaggio ma non fa bene in marcatura sull'uomo mi tengo i miei".

La Casertana gioca con il 4-3-3, per noi un modulo più favorevole abbiamo più duelli, anche se loro due punte tengono molto a entrare più nel campo e diventa anche un 4-2-3-1. Se possono giocare giocano altrimenti calciano, il loro play non ha fatto molto gioco. Giocano per catene, con alcune individualità importanti. hanno fatto un punto a Potenza che non è mai facile. Hanno esterni gamba, così come il centrocampista Inzillo. Non lo dovete dire a me che la Casertana è una buona squadra, ci sarà da sudare 7 camicie. E' più fresca di noi perché ha fatto la prima partita solo mercoledì. Se gli si incastrano due tre situazioni può lottare per la parte destra della classifica".

"Peralta e Torromino? Non non mi aspettavo più da loro, era caldo la squadra aveva perso un po' le distanze tra i reparti e infatti il Palermo aveva palleggiato un po' di più. Li ho messi per dare più brio in avanti. Ho tolto Furlan che come respirava sarebbe stato espulso. Anche Partipilo era stanco".

"Formazione? Due cambi dietro, a metà campo uno, in avanti due. Dobbiamo dare tempo ai nuovi di ritrovarsi e siamo a buon punto. Gli attaccanti devono vedere il gol come una necessità, mettere la testa dove gli altri mettono i piedi. I movimenti li alleni, ma poi si decide in una frazione di secondo, quindi dipende tutto dall'attaccante. Loro hanno le capacità per farlo, qualche volta possono uscire dal campo con il turbante in testa o con qualche cicatrice. Questo intendo per la rabbia che devono mettere. Con il palermo Raicevic l'ha schiacciata, a volte quando la prendi male fai gol però nella circostanza ha trovato il difensore che ha salvato. E' uno che sa sacrificarsi, ma deve diventare gol-dipendente. Si muove, fa la lotta, fa a sportellate, ma ha anche anche una buona tecnica. Se giocano due attaccanti centrali significa che siamo disperati, mi auguro di no".

"Da Palumbo è ovvio che mi aspetto dinamismo, che accompagni l'azione. In termini offensivi anche il tiro da fuori e voglio risposte tattiche a due dove non ti puoi permettere di uscire sull'esterno. Ho bisogno di risposte quando la palla ce l'hanno gli altri. Non posso dire agli esterni non andare all'uno contro uno per paura poi di perdere palla, ci sono i compagni che poi possono recuperare. Non posso bloccare le giocate".

"Falletti? L'ultimo quarto d'ora col Palermo lo avrei risparmiato volentieri, ma non avevo più cambi. Vedo che comincia a stare bene, deve solo crescere nella condizione fisica per fare pressing per tutta la partita. Boben è pronto. Ferrante e Salzano sono a disposizione in panchina".

"Per il campo in sintetico, che poi ognuno ha caratteristiche diverse, ma voi lo sapete zero alibi. Una precisazione vorrei fare: quando giochiamo contro un centrocampo a tre sento dure che siamo uno in meno, ma noi in pratica siamo 4-4-1-1 e se tutti lavorano nella giusta maniera anzi siamo uno in più. Noi possiamo contare sulla linea di 4, poi Furlan e Partipilo vanno a chiudere sulla mezzala opposta, è una linea estesa. Poi c'è Falletti che lavora sul play avversario. Questo non per polemica, ci mancherebbe, mi piace far capire a voi e ai tifosi come lavoriamo sul campo".

Sugli esclusi, in partenza (Bergamelli, Argento, Niosi n.d.r.): "Mi dispiace umanamente. Ci sono passato anche io il secondo anno di Napoli che sono stato escluso dalla lista Champions. Bergamelli è un difensore che mi è sempre piaciuto ho anche provato a prenderlo in passato. Abbiamo visto i contratti in scadenza, ho scelto Russo perché ci garantisce anche la copertura nel ruolo di terzino destro".

"Mammarella l'ho visto bene, dai dati del gps sto scoprendo numeri su cui non avrei scommesso. Mammarella è quello che copre più metri al minuto in velocità. Salzano il più dinamico di tutti. Per me domani Mammarella gioca dall'inizio, anche perché in alternativa ci sarebbe solo Frascatore che non gioca dal 10 luglio. Poi vorrei che su quella fascia Cuppone corresse dietro a noi e non viceversa...."

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.C
Squadra Pt G
Ternana 15 7
Bari 14 6
Teramo 14 6
Avellino 14 6
Turris 11 6
Juve Stabia 10 7
Vibonese 9 6
Catanzaro 8 5
Monopoli 8 6
Bisceglie 7 5
Catania 6 6
Viterbese 6 7
Paganese 6 7
Virtus Francavilla 5 7
Potenza 5 6
Cavese 4 7
Casertana 3 5
Foggia 3 5
Palermo 1 4
Trapani -1 0

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
7a di campionato, 25/10/2020
Ternana - Foggia 2 - 0
Eccellenza
1a di campionato, 18/10/2020
Orvietana - Lama 1 - 0
Castel del Piano - Olympia Thyrus 2 - 1
Branca - Narnese 1 - 3