Alla vigilia della sfida di andata playout a Bari, queste le parole di Roberto Breda in conferenza stampa.

"Certamente speravamo tutti di evitare questo tipo di epilogo, ma allo stesso tempo era un nostro obiettivo. L'idea è di sfruttare al massimo questa opportunità. Una partita non semplice contro una squadra che ha elementi forti. In campionato contro di loro non abbiamo fatto bene. Però siamo cresciuti e abbiamo una mentalità completamente diversa. Vogliamo fare bene nel rispetto degli avversari. Sappiamo che queste partite, richiedono una capacità d'interpretare le situazioni diversa dal normale. L'errore più grande che potremmo fare è quello si pensare che siamo arrivati in classifica davanti. Si parte da 0-0. Dobbiamo partire con lo stesso spirito di Palermo e Cremona. Pensavamo di essere di meno e volevamo dimostrare sul campo di essere più bravi. Ci vuole grande rispetto e bisogna ricordarsi che in campionato hanno fatto meglio di noi. Non dobbiamo pensare di essere più bravi. Le chances non devono essere frutto di un calcolo, ma di un percorso che richiede tanta attenzione e capacità di leggere le situazioni. Io continuo a pensare che il Bari è una squadra forte. Nelle ultime partite hanno cercato diverse soluzioni. Nelle soluzioni hanno modo di avere elementi diversi in attacco. La voglia dei ragazzi è importante allo stesso tempo la risposta che diamo sul campo deve essere altrettanto importante.

Delle due che ci aspettano per me esiste solo la prima, la seconda è il frutto della prima. Perché determina tanto e sulla quale dobbiamo mettere energia. Il Bari è una squadra che ha valori importanti, ma anche punti deboli. Dobbiamo essere bravi noi a non esaltare i loro punti forti e metterli in difficoltà nelle lacune. Abbiamo dei principi ben definiti che possono mettere in difficoltà il Bari. Nell'ultimo periodo hanno messo tanta esperienza. Le codifiche e le interpretazioni nostre dovranno essere da squadra. In questo momento cerco di togliere tutto quello che non posso determinare. Devo cercare come se fossi in una partita a scacchi le mosse giuste e avere le contromosse giuste. La squadra? A me è sembrata sempre uguale, sia nel modo di vivere il gruppo e allenarsi. Credo sia giusto così. Abbiamo fatto delle cose anche buone che però in questo momento contano niente. Se non portiamo a casa il finale che vogliamo non serve a niente. Fare confronti con annate passate non ha senso. Dobbiamo continuare a concentrarci sulla partita, il resto non conta nulla. Il gruppo è lo strumento per cercare di portare a casa la salvezza. Meno complimenti, meno aspetti positivi su di noi meglio è. Dobbiamo trovare lo spirito che ci ha consentito di andare a prendere risultati quando non eravamo favoriti.

Il Bari ha cambiato tre allenatori, ognuno ha portato cose sue. Quando il gioco è diventato duro sono andati sull'esperienza con giocatori che conoscono le situazioni e sanno anche gestirle. Il risultato è frutto anche di corsa fatta bene. Formazione? Qualche dubbio ce l'ho ancora com'è giusto che sia. Dall'infermeria non rientra nessuno, c'è solo Casasola che rientra dalla squalifica".

Foto di Stefano Principi

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie B
Squadra Pt G
Parma 76 38
Como 73 38
Venezia 70 38
Cremonese 67 38
Catanzaro 60 38
Palermo 56 38
Sampdoria 55 38
Brescia 51 38
Cosenza 47 38
Sudtirol 47 38
Modena 47 38
Reggiana 47 38
Pisa 46 38
Cittadella 46 38
Spezia 44 38
Ternana 43 38
Ascoli 41 38
Bari 41 38
Feralpisalò 33 38
Lecco 26 38

ULTIME GARE DISPUTATE