"Contro l'Imolese sarà l'impegno più probante fino a questo punto della stagione, è la squadra migliore tra quelle incontrate finora". Mister Luigi De Canio mette in guardia sui rischi della partita contro la frizzante formazione di mister Dionisi, vera rivelazione del campionato.

"E' una squadra a cui piace giocare in contropiede - spiega il mister al termine della rifinitura - lo fa bene anche in casa e si difende in maniera organizzata. Ha una fluidità notevole e grande entusiasmo. E' stata sottovalutata perchè non ha una storia calcistica, iImola è ricordata per i motori. Invece credo che questa società abbia costruito una buona squadra con individualità interessanti e un impianto di gioco notevole. Vedendoli giocare non sono una sorpresa. Aggiungete la voglia che avranno di fare sgambetto alla Ternana. Guai sottovalutarli".

Il merito va a mister Alessio Dionisi, dopo Alessandro Sandreani un altro tecnico giovane e interessante: "La Serie C è serbatoio di allenatori del futuro, l'ho fatta anche io e sentivo voglia, ambizione, desiderio. Sapevo che applicandomi avrei avuto possibilità".

Altobelli e Salzano convocati, per il primo ci sarà bisogna di tempo per farlo entrare nel pieno dell'attività agonistica: "Saremo cauti" dice De Canio. Mentre Salzano ha un problema tendineo più che muscolare: "Ci dà pensiero il calendario con tante partite ravvicinate, altrimenti non sarebbe un problema grave".

Possiamo dire che il campionato della Ternana adesso entra nel vivo? "Le prossime partite con Imolese, FeralpiSaloò, Pordenone, Vicenza ci daranno probabilmente la possibilità di una valutazione più completa della nostra situazione e condizione. L'handicap di non aver giocato prima resta, perchè dobbiamo recuperare e continuiamo a giocare, la classifica potrebbe non essere veritiera. Nel frattempo dobbiamo continuare ad esprimerci ai massimi livelli".

A che livello di forma siamo? "Non più del 50% come condizione fisico-atletica e tecnico-tattica. Abbiamo necessità di allenarci di più insieme. Quando cambi tanto è solo l'allenamento che ti può aiutare a trovare i meccanismi. Nel girone di ritorno in condizioni normali sono convinto che potremo fare ancora meglio".

Al Corriere dello Sport ha detto che vorrebbe rimanere a vita a Terni: "Quando mi chiamò la prima volta Ranucci non volevo nemmeno andarci a parlare. Invece sono andato e ho fatto benissimo. Ho visto in queste persone la serenità, l'equilibrio e poi c'era la storia della Ternana e mi sono tuffato. E' un bell'ambiente, una città che si vive bene, c'è passione intorno alla squadra, partecipazione anche se qualche insulto me lo sono preso. Ma il calcio è così. Guardo il bicchiere mezzo pieno. Mi piacerebbe che fosse la mia esperienza professionale più lunga. Quando sono arrivato ho chiesto un programma e insieme lo stiamo percorrendo".

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie C gir.B
Squadra Pt G
Pordenone 73 38
Triestina 67 38
Imolese 62 38
Feralpisalò 62 38
Monza 60 38
Sudtirol 55 38
Ravenna 55 38
L. R. Vicenza 51 38
Sambenedettese 50 38
Fermana 47 38
Ternana 44 38
Gubbio 44 38
Albinoleffe 43 38
Teramo 43 38
Vis Pesaro 42 38
Giana Erminio 42 38
Renate 39 38
Rimini 39 38
A. J. Fano 38 38
Virtus Verona 38 38

ULTIME GARE DISPUTATE