Resta alta la tensione tra il Comune e la Ternana Calcio sulla nuova convenzione per il Liberati. "Ipotizzare tempi precisi è prematuro ma per giugno, quando la squadra dovrà iscriversi al prossimo campionato, sarà tutto a posto" rassicura il Latini intervistato da Il Messaggero nell'articolo a firma di Paolo Grassi. Latini chiarisce anche la disponibilità del Comune a rivedere i termini della convenzione, a cominciare dalle spese di manutenzione che Bandecchi ritiene eccessive. "Lavoriamo con celerità - prosegue il sindaco - ma le procedure per l'assegnazione degli impianti sportivi a rilevanza economica sono quelle".

L'attuale concessione, in scadenza al termine del campionato 2021-2022, prevede un canone annuo di 10 mila euro che la Ternana versa al Comune quale importo di locazione e l'impegno ad effettuare lavori di manutenzione straordinaria per un importo di almeno 100 mila euro, pena il pagamento di una fidejussione pari alla differenza fra i lavori svolti e tale cifra. Condizioni che Bandecchi ritiene troppo onerose. Ma c'è un altro passaggio importante nell'intervista del sindaco. A quando i contatti con la Ternana per un punto di accordo? "Il Comune lavora da ente pubblico cercando di fare le cose al meglio e ponderando tutti gli interessi in gioco". Ed è proprio questo passaggio a far scattare l'ennesima replica di Bandecchi.

"Ho letto le dichiarazioni del sindaco sul fatto che ho detto che siamo in ritardo sull'assegnazione dello stadio - esordisce il patron su Instagram - è vero che secondo le leggi dello Stato per assegnare uno stadio serve un bando pubblico. Ma è altrettanto vero che Tagliavento ha fatto presente alla dirigente Barbon che avevamo bisogno di un accordo diverso rispetto all'attuale, troppo oneroso dal punto di vista economico e anche penale. Tutte le situazioni penali ricadono sul presidente della Ternana che non ha costruito lo stadio e non vorrebbe certe rogne. E' passato un anno e ancora sento dire che stiamo lavorando al bando".

E ancora: "E' vero che i Comuni hanno degli interessi e le società private ne hanno altri, ma a volte si parla di questi interessi. Dire che non si parla con la Ternana perchè gli interessi sono diversi è una cazzata stratosferica, so quello che dico perchè ci sto con la testa. Noi useremo lo stadio e chiunque lo prenderà in affitto alla fine dovrà darlo a noi. Gli interessi o sono comuni o sono totalmente diversi. Solo con interessi comuni andremo avanti. Lo dico in maniera chiara e netta. Noi imprenditori ci mettiamo i soldi, ci ricordiamo le date, parliamo con chiarezza. E alla fine arrivano a un punto. Almeno gli imprenditori che lavorano in maniera seria e campano di mercato, non certo grazie agli appalti. Quelli che campano, tanto per capirci, perchè un prosciutto è più bono di un altro". Altra polemica, senza dimenticare il centro sportivo.


ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

Serie B
Squadra Pt G
Pisa 38 19
Brescia 37 19
Benevento 35 19
Cremonese 35 19
Lecce 34 18
Monza 32 19
Frosinone 31 19
Cittadella 29 18
Ascoli 29 19
Perugia 28 19
Como 25 19
Parma 23 18
Ternana 23 19
Reggina 23 19
Spal 21 19
Alessandria 17 18
Cosenza 16 18
Crotone 11 18
Pordenone 8 19
LR Vicenza 7 17

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie B
19a di campionato, 14/1/2022
Ternana - Ascoli 2 - 4