Riccardo Santi, tornato protagonista con la doppietta realizzata domenica, dovrà seguire dalla tribuna i compagni nella prossima trasferta a Trestina perché squalificato. Non è una bella notizia, in compenso sono le dichiarazioni di Antonio Rizzolo a rivalutare la prestazione complessiva con il Cenaia. “Ho rivisto le immagini della partita traendone un giudizio molto positivo. Il comportamento squadra è stato esemplare – prosegue – come comprensibili i mormorii del pubblico durante lo svolgimento della gara. In quei momenti, più particolarmente chi vuol bene all’Orvietana, ragiona con il cuore. La testa è tutta concentrata sul goal che vorrebbe ma tarda ad arrivare, per cui va bene anche lo sfogo. Vorrei, però, considerare l’atteggiamento degli avversari, attesi con il coltello fra i denti, pronti a prendersi anche qualche rischio. Cosa che non c’è stata, per la decisione di restarsene arroccati sulle posizioni iniziali, arroccati dietro la linea della palla. Abbiamo corso, soltanto, un paio di rischi, arrivando a concedere il tiro, causa due piccole sbavature difensive, ma solo nei minuti iniziali. Per il resto, la linea difensiva ha fatto bene, altrettanto si è comportato il centrocampo. Le difficoltà, semmai, le abbiamo trovate negli ultimi sedici metri. Sentivo, sistemato sotto la tribuna causa la squalifica, venir contestata la lentezza della manovra che, invece, a mio parere, è stata svolta nel modo in cui l’avevamo preparata. Ma, quando ti trovi di fronte dieci uomini schierati nella metà campo non è facile poter arrivare alla conclusione”.

Probabilmente, la gente sperava di ritrovare più vivaci alcuni giocatori, così come li aveva visti nell’ultimo periodo:

“Come avevo già dichiarato tempo addietro, l’equilibrio generale dipende molto dai quattro under obbligatori e dalle loro posizioni. Avendo previsto di mandare in campo un centrocampo di “over”, per i giovani si erano liberate altre posizioni. Tali scelte, specie in un campionato di questo tipo, comportano una modifica della prestazione cui bisogna abituarsi . E, posso dirti, non succede solo a noi”.

Portando, magari, anche ad altri avvicendamenti non sempre graditi:

“Eh, sì. Però, almeno per il nostro gruppo, l’irritazione passa presto. I ragazzi, tutti, sono sempre stati molto disponibili, accettando ogni mia decisione. Parlo molto e con piacere con tutti come con ognuno e, alla fine, gli esclusi percepiscono come, quanto deciso, sia fatto soltanto a scopo migliorativo domenica dopo domenica. La domanda mi da modo per parlare delle sostituzioni durante la partita, anch’esse di poco gradimento. Lo so per esperienza personale, ma, pure in questo caso, la rabbia finisce una volta seduti in panchina. Anzi, chi esce diventa subito il più caloroso dei supporter”.

Adesso, sotto con il Trestina e, a seguire, tutte finali fino all’ultima giornata:

“Lavoriamo sodo e, come detto, noto una crescita progressiva. Ritrovandoci, dopo il lunedì i riposo, la prima cosa che farò è elogiare e ringraziare i giocatori. Poi si riparte, con lo stesso spirito e tanta voglia di proseguire la nostra corsa”.

Finisce la conversazione con il mister, come solito molto concreto. Ai suoi elogi al gruppo, ne aggiungiamo uno a titolo individuale per Luca Ricci. Ragazzo esemplare, giocatore per il quale è consuetudine dare il massimo, accettare disciplinatamente la panchina, farsi trovare sempre pronto per la chiamata successiva. L’anno scorso, poco dopo l’inizio del campionato, l’Orvietana rischiò di disfarsene. Mai, un errore avrebbe potuto essere più grande.

Foto Orvietana Calcio

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie B
33a di campionato, 13/4/2024
Cremonese - Ternana 1 - 2
Eccellenza
28a di campionato, 14/4/2024
Narnese - Olympia Thyrus 2 - 0
Città di Castello - Terni F.C. 1 - 1
Promozione gir. B
28a di campionato, 14/4/2024
Vis Foligno - AMC 98 0 - 0
San Venanzo - Ducato Spoleto 0 - 0
Real Virtus - Amerina 1 - 2
Guardea - Bevagna 0 - 1
Foligno Calcio - Sangemini Sport 5 - 2
Bastia - Campitello 1 - 0