Risonanza magnetica delle piccole articolazioni (piede, caviglia, mano, polso, gomito), consulenza ortopedica e riabilitazione. Al centro diagnostico e polispecialistico Murri del gruppo Cidat in via Ciaurro 6 a Terni è possibile trovare le migliori apparecchiature tecnologiche, palestra ed attrezzature per attività fisioterapiche e riabilitative con personale altamente specializzato.

La risonanza magnetica articolare e i suoi campi di applicazione

La risonanza magnetica articolare, abbreviata in RMN, è una tecnica diagnostica che sfrutta un campo magnetico ad elevata intensità per lo studio delle articolazioni. E’ del tutto innocua poiché non impiega radiazioni ionizzanti ed è quindi ripetibile nel tempo. Sono riconosciute però delle interferenze con le protesi metalliche e con il pacemaker.



Viene utilizzata per lo studio approfondito di: gomito, spalla, polso, mano, ginocchio, caviglia e piede. Consente di ottenere immagini molto precise e dettagliate della componente ossea, cartilaginea, legamentosa e muscolare delle articolazioni e fornisce informazioni sulle patologie di origine traumatica, infiammatoria e degenerativa delle stesse. Viene, ad esempio, utilizzata per effettuare l’esame del ginocchio, individuando sia gli elementi scheletrici (condili femorali, estremità superiore della tibia, rotula) che i componenti fibrocartilaginei quali i due menischi, nonché i legamenti collaterali e crociati.

Si eseguono i seguenti esami:

- RMN gomito
- RMN polso
- RMN mano
- RMN ginocchio
- RMN caviglia
- RMN piede



Come funziona la Risonanza Magnetica Articolare

Il campo magnetico provoca temporanee variazioni della disposizione degli atomi dell’area esaminata; i segnali elettromagnetici emessi dagli atomi vengono captati da apposite apparecchiature e opportunamente elaborati. Atomi di diversa natura emettono segnali diversi; analizzando durante questa fase transitoria i segnali emessi dai diversi atomi, la Risonanza Magnetica è in grado di riprodurre una mappa tridimensionale degli elementi anatomici esaminati. L’apparecchiatura consente il massimo comfort per il paziente che viene posizionato all’esterno del magnete ed ha eliminato ogni sensazione claustrofobica di solito associata agli esami di RMN ad alto campo.

A cosa serve la Risonanza Magnetica Articolare

Si ricorre alla RMN in prima istanza in caso di distorsioni articolari per individuare con precisione il tipo di lesione ed avviare una corretta terapia; anche in caso di infiammazioni serve ad effettuare una prima diagnosi ed in seguito ad individuare eventuali riacutizzazioni. In ambito sportivo è utilizzata con frequenza nei casi di traumi dovuti ad eccessivo sovraccarico di tendini e ossa. L’esame di Risonanza Magnetica e altresì indicato per diagnosticare eventuali complicanze qualora, in seguito a riabilitazione post traumatica o chirurgica, la risposta articolare non sia soddisfacente.
Grazie alla sua accuratezza, la RMN può essere utilizzata per evidenziare problematiche difficilmente individuabili con RX o ecografie, soprattutto se si tratta di tessuti situati in profondità.



Come si esegue

L’esecuzione della Risonanza Magnetica Articolare non richiede l’osservanza del digiuno. Prima di sottoporsi all’esame è necessario liberarsi di ogni oggetto metallico (orecchini, piercing, anelli, orologi, ecc.) ed anche di lenti a contatto ed apparecchi acustici. Dopo aver indossato un apposito camice, il paziente viene invitato ad accomodarsi su di un lettino che l’operatore posizionerà, tramite un comando elettronico, in modo che l’articolazione venga a trovarsi tra i poli del magnete.
È indispensabile che il paziente rimanga il più fermo possibile per non compromettere l’esito dell’esame, la cui durata varia da 20 a 30 minuti. In questi momenti è probabile avvertire anche una leggera sensazione di riscaldamento o di pulsazione della zona interessata ma, in questo caso, non è necessario preoccuparsi: è del tutto normale. Il referto è disponibile nel giro di pochi giorni.



Risonanza, fisioterapia e riabilitazione al centro diagnostico e polispecialistico Murri del gruppo Cidat di Via Ciaurro 6 Terni, a ridosso del centro cittadino e con un comodo parcheggio che permette un agile accesso sia ad utenti con disabilità che a pazienti trasportati con mezzi dedicati.



Cidat esami diagnostici - visite specialistiche - centro prelievi - medicina del lavoro

LEGGI ANCHE

Nuovo ambulatorio odontoiatrico Cidat: il tuo dentista di fiducia

Cidat presenta il nuovo centro di gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Benefici e vantaggi della ginnastica posturale. Come e dove praticarla

L'importanza di una sana e corretta alimentazione (per sportivi e non)

Se il problema non è dove si manifesta. La rieducazione posturale Mezieres

Come e quando effettuare una risonanza magnetica nucleare

Cidat: "La tecnica del Pompage per curare algie, contratture, artrosi"

Pubalgia traumatica, cronica e in gravidanza. Come prevenire e curare

Prevenzione, diagnosi e cura delle patologie legate alla spalla

La TECAR nello sport: recupero veloce e allenamento senza interruzioni

Dott. Roberto Teodoro Bock (Centro Cidat): "Sport...l'amico del cuore"

Cidat: "Le visite medico sportive e come azzerare i tempi di attesa"

Ortopedia e traumatologia: come ridurre i rischi di traumi al ginocchio

Come favorire il recupero dopo un trauma grazie alla Fisioterapia

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
4a di campionato, 15/9/2019
Ternana - Monopoli 0 - 2
Eccellenza
2a di campionato, 15/9/2019
Orvietana - Lama 1 - 1
Gualdo Casac. - Narnese 0 - 1
Promozione gir. B
2a di campionato, 15/9/2019
Olympia Thyrus - San Venanzo 2 - 0
Montefranco - Athletic Bastia 0 - 1
Massa Martana - AMC 98 2 - 2
Clitunno - Romeo Menti 5 - 1
Campitello - Giove 2 - 0
Amerina - Petrignano 1 - 0