Controlli al seno accurati e approfonditi nei centri del gruppo Cidat. Il centro diagnostico Domus Gratiae in via Ippocrate 164 a Terni ed il centro medico polispecialistico Orvieto Diagnostica in Piazza Monte Rosa 44 ad Orvieto Scalo, effettuano screening mammografico con macchinari di alta specializzazione. Al centro polispecialistico Murri in via Ciaurro 6, invece, è possibile effettuare ecografie mammarie.



Cos'è lo screening mammografico

Lo screening mammografico corrisponde ad una serie di esami o indagini strumentali eseguiti “a largo spettro” su fasce più o meno ampie della popolazione femminile. Obiettivo dello screening al seno è quello di individuare il carcinoma della mammella o le sue prime “manifestazioni” quando ancora non provocano sintomi. Attraverso lo screening senologico si ricercano eventuali lesioni tumorali, anche piccolissime, in assenza dei disturbi tipici causati dalla malattia oncologica



A cosa serve lo screening mammografico

Lo screening per il tumore della mammella per risultare efficace in termini preventivi deve, tuttavia, seguire alcune regole precise: ad iniziare dal rispetto dei tempi in cui effettuarlo. E’ dimostrato dai principali studi di settore come non tutti i tipi di carcinoma mammario si sviluppino e crescano con le stesse modalità e identica progressione: è stato calcolato che occorrono dai 5 ai 10 anni perché una lesione tumorale raggiunga 1 cm di diametro e il tumore trattato nelle forme al di sotto di questa misura è guaribile 9 volte su 10. L’esecuzione, dei test previsti dal percorso di screening del tumore al seno può, quindi, evitare l’evolvere della malattia.



L’autopalpazione del seno

L’esame periodico del proprio seno permette di imparare a conoscerne l’aspetto normale e di notare qualsiasi cambiamento rispetto alla fisionomia di base. Certamente, in un’epoca in cui la mammografia e talvolta l’ecografia mammaria consentono di rivelare tumori di pochi millimetri, non si può parlare di diagnosi precoce: la sola autopalpazione non basta, tuttavia è bene evidenziare che, eseguita correttamente e regolarmente, questa tecnica può aiutare a ridurre il rischio di diagnosticare un tumore del seno in fase avanzata. È un esame che la donna può eseguire da sola a partire dai 20 anni di età, una volta al mese, una settimana dopo la fine del ciclo (poiché questa è la fase in cui il seno è meno dolente e turgido); se si è in gravidanza o in menopausa, il momento in cui eseguirlo è indifferente. Rilevata la presenza di segnali chiaramente differenti dalle condizioni usuali, sarà allora opportuno sottoporsi a una visita senologica.



Come si svolge

Davanti allo specchio, in un ambiente ben illuminato, osservare le mammelle tenendo le braccia distese lungo i fianchi; poi appoggiarle sul bacino e spingere forte in modo da contrarre i muscoli del petto. Scrutare adesso le eventuali imperfezioni naturali del seno: infatti, solo raramente le due mammelle sono del tutto identiche. Attenzione a un mutamento nel disegno dei seni: un’alterazione del contorno, come un gonfiore, una retrazione cutanea o un’anomala morfologia dei capezzoli. Ripetere la stessa perlustrazione con le braccia ben alzate, mettendo in evidenza la zona ascellare, e successivamente anche di profilo, per controllare la linea delle mammelle ed evidenziare irregolarità o vere e proprie sporgenze. A questo punto, piegare il braccio destro dietro la nuca e cominciare a palpare delicatamente la mammella a destra con la mano sinistra e le dita tese, a caccia di eventuali masse anomale, indurimenti o ispessimenti. L’operazione va quindi ripetuta sul seno sinistro.



L’ecografia mammaria

E’ un esame diagnostico per immagini, che consente lo studio anatomico e strutturale del seno. Quest'indagine non è invasiva , con l'ecografia mammaria è possibile individuare cisti al seno, cioè formazioni di natura benigna, spesso a contenuto liquido o misto, e fibroadenomi. Quest'indagine consente, inoltre, di diagnosticare la presenza di tessuti infiammati (come nel caso di mastite o ascessi) ed è importante nella diagnosi precoce di lesioni più serie, come i tumori maligni. L'ecografia mammaria permette di visualizzare anche le eventuali alterazioni a carico dei linfonodi dei cavi ascellari. Nella maggior parte dei casi, l'ecografia al seno non è un'indagine alternativa alla mammografia e i due esami sono ritenuti complementari. Nella diagnostica senologica, l'esame ecografico è più adatto a valutare i tessuti mammari densi (in cui la componente ghiandolare è prevalente) delle donne giovani, non sempre ben visualizzabili ai raggi X della mammografia.



Lo screening mammografico

Tra gli esami strumentali disponibili in campo medico, la Mammografia bilaterale del seno è a tutt’oggi considerato il test più efficace svolto all’interno dei programmi di screening mammario. L’esecuzione del test differisce per fasce di età e tempistica: nelle donne tra i 50 ed i 69 anni, la Mammografia è raccomandata con cadenza biennale, mentre nelle donne di età compresa tra i 40 ed i 49 anni, la Mammografia andrebbe eseguita caratterizzandone la cadenza sul singolo soggetto in relazione ai fattori di rischio messi in evidenza dall’anamnesi. La maggior parte degli studi pubblicati ha dimostrato come la Mammografia impiegata nei test (ne rappresenta il gold standard) di screening mammografico abbia contribuito a ridurre la mortalità per carcinoma.



Cidat esami diagnostici - visite specialistiche - centro prelievi - medicina del lavoro

LEGGI ANCHE

Nuovo macchinario per la TAC Odontoiatrica Cone Beam

La risonanza magnetica per una corretta riabilitazione

Nuovo ambulatorio odontoiatrico Cidat: il tuo dentista di fiducia

Cidat presenta il nuovo centro di gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Benefici e vantaggi della ginnastica posturale. Come e dove praticarla

L'importanza di una sana e corretta alimentazione (per sportivi e non)

Se il problema non è dove si manifesta. La rieducazione posturale Mezieres

Come e quando effettuare una risonanza magnetica nucleare

Cidat: "La tecnica del Pompage per curare algie, contratture, artrosi"

Pubalgia traumatica, cronica e in gravidanza. Come prevenire e curare

Prevenzione, diagnosi e cura delle patologie legate alla spalla

La TECAR nello sport: recupero veloce e allenamento senza interruzioni

Dott. Roberto Teodoro Bock (Centro Cidat): "Sport...l'amico del cuore"

Cidat: "Le visite medico sportive e come azzerare i tempi di attesa"

Ortopedia e traumatologia: come ridurre i rischi di traumi al ginocchio

Come favorire il recupero dopo un trauma grazie alla Fisioterapia

ALTRI ARTICOLI

CERCA NEL SITO

ULTIME GARE DISPUTATE

Serie C gir.C
4a di campionato, 15/9/2019
Ternana - Monopoli 0 - 2
Eccellenza
2a di campionato, 15/9/2019
Orvietana - Lama 1 - 1
Gualdo Casac. - Narnese 0 - 1
Promozione gir. B
2a di campionato, 15/9/2019
Olympia Thyrus - San Venanzo 2 - 0
Montefranco - Athletic Bastia 0 - 1
Massa Martana - AMC 98 2 - 2
Clitunno - Romeo Menti 5 - 1
Campitello - Giove 2 - 0
Amerina - Petrignano 1 - 0